Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei…

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/08/2015 Aggiornato il 19/08/2015

Il carattere e la personalità inciderebbero sulle scelte a tavola. Ecco come cambia l’alimentazione a seconda della tipologia di persona

Dimmi cosa mangi e ti dirò chi sei…

Personalità e alimentazione? Un binomio dai legami di interdipendenza più spiccati del previsto. Sì, perché il carattere influisce sul regime alimentare prediletto, detta le regole da seguire a tavola e dà l’impostazione alla dieta. Per la serie “dimmi che personalità hai e ti dirò cosa e come mangi”. A tracciare questa linea di congiunzione tra personalità e alimentazione è stato un gruppo di ricercatori svizzeri del Politecnico federale di Zurigo, che ha pubblicato i risultati del suo studio sulla rivista Appetite.

Il carattere si svela a tavola

Un po’ perché il carattere di una persona ne determina, in buona parte, anche abitudini, vizi, usi e costumi. Un po’ perché il modo di vivere è strettamente connesso al modo di consumare il cibo. Fatto sta che ora la relazione sinergica tra personalità e alimentazione è stata scientificamente provata. Per farlo gli studiosi svizzeri hanno coinvolto ben 951 volontari, che hanno compilato tre appositi questionari. Uno mirato a testarne le abitudini alimentari, uno le scelte dietetiche e uno teso a sondarne i tratti caratteriali.

I tratti considerati

Cinque, in particolare, i tratti caratteriali oggetto del questionario e dell’indagine: l’apertura, la coscienziosità, l’estroversione, la disponibilità e la nevrosi. Un quintetto di aspetti utili a tracciare i contorni del carattere di una persona, a capire se si tratta di un soggetto introverso o estroverso, ligio alle regole e al dovere o più portato a sperimentare e a lasciarsi guidare dall’istinto. Dall’analisi dei dati raccolti è emerso che ogni personalità ha la sua alimentazione. Per ogni carattere le sue scelte dietetiche.

Le scelte di estroversi e introversi

Se gli estroversi tendono ad avere una dieta meno bilanciata e metodica, con qualche concessione di troppo in termini di cibi grassi e bevande alcoliche, proprio per la loro tendenza alla convivialità, i soggetti più coscienziosi e introversi seguono un regime alimentare più salutare e bilanciato. Le persone più disponibili e aperte a nuove esperienze preferiscono la frutta e la verdura alla carne, mentre quelle tendenzialmente nevrotiche rischiano di assumere troppe calorie per mettere a tacere ansia e stress.

 

 

 
 
 

In breve

SCOPRI SE È VERO

 Per capire la veridicità dei risultati di questo studio, basta farsi un piccolo esame di coscienza o, meglio, basta fare un esame della propria alimentazione rapportata al proprio carattere. Qualche esempio? Chi ama stare in compagnia, tende a mangiare più spesso fuori e quindi a eccedere più facilmente. Mentre gli introversi e solitari hanno meno occasioni di esagerare a tavola.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino antiinfluenzale in allattamento: si può fare?

26/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vaccinazione antiinfluenzale non è controindicata per le mamme che allattano al seno.  »

Dubbio sul valore delle beta-hCG

23/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per capire se la gravidanza sta procedendo, serve l'ecografia, tuttavia non conviene farla prima che il valore dell'ormone beta-hCG sia almeno a 1000.  »

Bimba che fatica ad addormentarsi: le si può dare la melatonina?

06/10/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Francesco Peverini

Dormire è fondamentale per tutti, ma in particolare per i bambini: cercare un rimedio contro un eventuale disturbo del sonno è dunque opportuno.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti