Giovani troppo perfetti e… ossessionati

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 20/02/2018 Aggiornato il 09/08/2018

La ricerca spasmodica della perfezione rischia di compromettere la salute mentale dei giovani, sempre più in competizione con se stessi e con la società. Cosa rischiano i giovani troppo perfetti

Giovani troppo perfetti e… ossessionati

Le nuove generazioni sono sempre più alla ricerca della perfezione. Il rapporto con se stessi e con gli altri diventa spesso fonte di paragone, con ripercussioni sull’equilibrio mentale dei ragazzi. Il perfezionismo veicolato anche dai social rischia di condizionare la percezione di sé e portare i giovani troppo perfetti a soffrire di depressione e insicurezza.

Sotto esame oltre 40.000 ragazzi

Dal 1980 a oggi, i ragazzi cercano sempre con maggiore insistenza di raggiungere la perfezione nel corpo, nella mente e nel percorso professionale.  A tracciare l’identikit dei giovani troppo perfetti è uno studio della York St. John University, pubblicato sulla rivista medica Psychological Bulletin. La ricerca ha preso in esame i dati emersi da un test sottoposto a oltre 41.500 studenti universitari britannici, americani e canadesi. I risultati sembrano destare più di una preoccupazione negli psicologi. Negli ultimi quarant’anni la ricerca del perfezionismo tra i ragazzi si è rivelata un fenomeno in crescita. Questa tendenza agisce tanto a livello personale quanto in relazione alla società in cui i ragazzi vivono e con cui devono confrontarsi.

Il perfezionismo anche negli altri

In prima battuta, i giovani mirano a raggiungere un utopico perfezionismo della propria persona. Esiste poi una percezione relativa alle eccessive aspettative da parte degli altri. Una sorta di perfezionismo “prescritto socialmente” che, invertendo la prospettiva, i ragazzi troppo perfetti riversano anche nella loro percezione degli altri. Analizzando i risultati del test, i ricercatori hanno scoperto come le nuove generazioni raggiungano punteggi significativamente più alti nelle tre forme di perfezionismo prese in esame, con un preoccupante +33% alla voce perfezionismo “prescritto socialmente”. Questo dato, in particolare, ha spinto gli studiosi a domandarsi quanto possa influire l’azione dei nuovi mezzi di comunicazione – social in primis – sui ragazzi.

In perenne competizione

Come evidenziato da Thomas Curran, prima firma dello studio, i giovani troppo perfetti  vivono in una sorta di competizione continua che li porta a rapportarsi e confrontarsi con gli altri senza soluzione di continuità. Il perfezionismo sembra essere l’unica soluzione possibile. Una soluzione che, però, i ragazzi scontano a caro prezzo con il proprio equilibrio mentale. La paura di non essere all’altezza e di non essere accettati porta i giovani troppo perfetti a essere perennemente insoddisfatti di se stessi, con il rischio di cadere in depressione ed essere sopraffatti dall’ansia.

 

 

da sapere!

Oltre a un aumento dei livelli di depressione e ansia, rispetto a dieci anni fa, i ragazzi tendono a isolarsi maggiormente e a essere vittime di episodi di autolesionismo fino alle estreme conseguenze.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti