Gli uomini fanno “male” alle donne

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 15/04/2015 Aggiornato il 15/04/2015

Avere vicino il proprio compagno aumenterebbe la percezione del dolore nelle donne. Ecco perché

Gli uomini fanno “male” alle donne

Il pensiero comune sostiene che avere la vicinanza emotiva del partner durante esami & Co. significa sentirsi rassicurate e, dunque, in un certo senso affrontare meglio i momenti difficili. Invece, uno studio americano ha dimostrato che, in alcuni casi, la percezione del dolore nelle donne aumenterebbe se il compagno è vicino. Lo studio che dimostra la correlazione tra maggiore percezione del dolore nelle donne e vicinanza fisica del partner, è stato condotto dall’University College di Londra, King’s College e l’università dell’Hertfordshire e pubblicato sulla rivista Social Cognitive and Affective Neuroscience.

Come si è svolto l’esperimento

L’osservazione ha coinvolto un campione di 39 coppie eterosessuali, attraverso la somministrazione di un questionario-test sul desiderio (o meno) di sentire vicino (o di stare vicino) al partner durante esami & Co. Il secondo step dello studio, invece, ha testato in pratica la percezione del dolore nelle donne, sottoponendo quest’ultime a una serie di pulsazioni laser dolorose. Il tutto con il partner sia fuori sia dentro la stanza. Al contempo, i ricercatori hanno misurato la reazione cerebrale femminile con un elettroencefalogramma e, infine, è stato chiesto alle donne di assegnare un punteggio al dolore percepito.

Più dolore se il partner è vicino

I risultati di questi test hanno parlato decisamente chiaro. Ovvero, le donne che si sono dichiarate più emotivamente indipendenti dal partner nel questionario, hanno sofferto la presenza fisica del compagno nella stessa stanza, provando più dolore. Quest’ultimo è stato confermato anche dall’analisi dell’elettroencefalogramma.

Lo stesso vale per i bambini

La ricercatrice Amanda Williams, dell’University College di Londra, ha sottolineato le similitudini di tali reazioni alle reazioni emotive e fisiche dei bambini. Secondo studi altrettanto recenti, infatti, è stato osservato che anche i bambini sentono più dolore durante esami e controlli medici se i genitori sono nella stessa stanza, soprattutto se uno o entrambi i genitori sono più ansiosi del bambino (situazione molto frequente).

Il parere degli esperti

Spesso, a sottolineare la validità di tali risultati empirici, sono proprio i medici con i loro consigli. Ovvero, non è raro che sia lo stesso specialista a scoraggiare la presenza fisica del compagno (nel caso degli adulti) o di entrambi i genitori (riducendo la presenza a uno) del paziente sottoposto a controllo medico. Solitamente ciò accade quando il medico percepisce l’ansia del compagno o del genitore, che sa aumenterebbe anche la percezione del dolore nel paziente, piccolo o grande che sia.

 

 

 

In breve

PIU’ A RISCHIO LE DONNE INDIPENDENTI

A soffrire si più la vicinanza del partner, durante esami e piccoli interventi medici, sono proprio le donne più indipendenti: abituata a gestire da sé stati emotivi difficili, questo tipo di donna non desidera dover gestire anche l’eventuale ansia del partner.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti