I dubbi più comuni con il secondo figlio

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 05/08/2019 Aggiornato il 07/08/2019

Non è mai la stessa cosa. Avere già avuto un figlio non mette al riparo da preoccupazioni e dubbi sulla maternità. Ecco perché anche chi è in attesa del secondo figlio è assalito da dubbi e incertezze....

I dubbi più comuni con il secondo figlio

Magari non lo si dice apertamente ma anche  il secondo figlio è fonte di dubbi e incertezze da parte dei genitori. Del resto, non potrebbe essere diversamente: ogni gravidanza e ogni parto sono eventi a sé e  ogni bambino è diverso dall’altro e, dunque, anche i problemi e le esperienze sono differenti. Senza contare che è importante anche il momento in cui arriva il nuovo piccolo: mamma e papà non saranno certamente identici, per stato d’animo, momento di vita, “maturità” rispetto a quando hanno avuto il primogenito.

Quando farlo?

Il primo dubbio riguarda sicuramente l’opportunità o meno di avere un altro bambino e, soprattutto, il momento migliore per metterlo in cantiere. In genere, la cosa migliore è seguire l’istinto: se i genitori desiderano il secondo figlio, e ne hanno la possibilità, perché rimandare?

Come sarà la nuova gravidanza?

È normale anche chiedersi come sarà la seconda gravidanza. Le mamme, di solito, sono incuriosite e al tempo stesso intimorite da come andrà: se la prima volta non hanno manifestato problemi temono di non avere la stessa fortuna. Se, invece, la prima esperienza è stata negativa hanno paura di fare il “bis”. La cosa migliore è non “fasciarsi la testa” prima del tempo: ogni gestazione è a sé e fare previsioni è impossibile. L’ideale è vivere giorno per giorno, assaporando tutti i momenti di questo magico percorso.

Come reagirà il primogenito?

Un altro grande timore dei genitori riguarda la reazione del primogenito. Un po’ di gelosia è da mettere in conto; quindi, meglio armarsi di pazienza e dolcezza. Occorrerà dedicare molte attenzioni e affetto al bimbo grande, per non farlo sentire escluso. È importante spiegargli nel modo giusto l’arrivo del fratellino e coinvolgerlo il più possibile.

Saremo all’altezza?

Anche con il secondo figlio, infine, mamma e papà possono rivivere le classiche insicurezze di tutti i neogenitori. Ritrovarsi fra le braccia un nuovo piccolo, spesso, fa riaffiorare timori che si credevano superati: che cosa significherà il suo pianto? Starà mangiando a sufficienza? Perché non dorme? Insomma, è difficile non preoccuparsi quando si tratta di crescere e accudire un bebè. Anche se è il secondo…

 

DA RICORDARE

Conta la qualità, non la quantità

Molti genitori temono di non avere modo di dedicare al secondo figlio le stesse attenzioni riservate al primogenito. Niente paura: non è la quantità, ma la qualità del tempo e delle cure prestate a fare la differenza.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti