Iniziare col piede sbagliato peggiora la memoria (e la giornata)

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 17/09/2018 Aggiornato il 17/09/2018

Alzarsi al mattino pensando a quanto stressante sarà il giorno che si ha davanti può mettere a rischio la memoria e aumentare la probabilità di fare errori

Iniziare col piede sbagliato peggiora la memoria (e la giornata)

Gli psicologi la chiamerebbero “profezia che si autodetermina”: secondo una ricerca pubblicata sulla rivista medica Journals of Gerontology: Psychological Sciences dai ricercatori del Center for Healthy Aging della Pennsylvania State University, iniziare col piede sbagliato la giornata può mettere a rischio la funzionalità della memoria di lavoro e aumentare la probabilità di commettere errori, contribuendo a far andare la giornata davvero storta.

La memoria di lavoro

Lo studio è stato condotto esaminando il comportamento di 240 adulti per due settimane. Grazie alle osservazioni effettuate i ricercatori hanno scoperto che iniziare col piede sbagliato, abbassa la funzionalità della memoria di lavoro, ovvero quella che consiste nell’acquisizione, nella conservazione temporanea e nella manipolazione di informazioni che sono state appena acquisite o che sono state recuperate dalla memoria a lungo termine, importante nei processi di apprendimento.

Misurati i livelli di stress

Per quattordici giorni i partecipanti allo studio hanno completato cinque volte un test di memoria di lavoro e hanno risposto sette volte a delle domande suggerite da un’applicazione per smartphone relativamente ai livelli di stress (al mattino un quesito sul fatto se si aspettassero o meno una giornata stressante, durante il giorno sui livelli di stress effettivamente percepiti e la sera una previsione sullo stress del giorno successivo): dall’analisi dei dati i ricercatori hanno potuto rilevare come le previsioni dello stress al mattino fossero associate a una scarsa memoria di lavoro nel corso della giornata. Iniziare col piede sbagliato può dunque davvero compromettere l’andamento di tutta la giornata.

Errori fatali

Poiché, come spiega Martin Sliwinski, uno degli autori della ricerca, “una memoria di lavoro ridotta può rendere più propensi a commettere errori a livello cognitivo e, in generale, a essere meno concentrati”, particolare attenzione deve essere prestata soprattutto agli anziani già alle prese con problematiche neurodegenerative dal momento che, per fare due soli esempi, “prendere la pillola sbagliata, oppure commettere un errore mentre si è alla guida, può avere conseguenze gravi “.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Lo yoga e la meditazione sono due rimedi naturali che possono aiutare a ridurre lo stress e a migliorare la  concentrazione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti