La depressione nasce da un’infiammazione?

Pamela Franzisi A cura di Pamela Franzisi Pubblicato il 15/07/2021 Aggiornato il 15/07/2021

Non solo disturbi psicologici: dietro alla depressione ci sarebbero anche le infezioni e le infiammazioni cui è soggetto il corpo- È la nuova scoperta di uno studio inglese

La depressione nasce da un’infiammazione?

Gli antinfiammatori potrebbero essere usati per curare la depressione? Ci vorranno ancora ulteriori approfondimenti per averne conferma, ma uno studio, pubblicato sull’American Journal of Psychiatry, afferma la relazione tra la malattia della depressione e l’infiammazione.

La proteina C reattiva si alza

La nuova ricerca del King College di Londra, pubblicata sull’American Journal of Psychiatry, ha osservato che le persone affette da depressione hanno livelli di proteina C-reattiva più elevati rispetto agli altri. Questa proteina è un biomarcatore di uno stato infiammatorio presente nel sangue e individuabile attraverso un semplice esame del sangue. “Questa ricerca mette un punto fermo su un interrogativo che ci ponevamo da tempo: oggi possiamo dire che nei soggetti depressi, a parità di altre condizioni, il livello di infiammazione è più elevato”, spiega lo psichiatra  Carmine Pariante del Kings College di Londra, autore dello studio insieme a Maria Pitharouli e Cathryn Lewis.

Studio su più di 85mila persone

Gli studiosi hanno analizzato i dati della Biobank inglese, relativi a 86mila pazienti, riguardo la salute mentale, le infiammazioni, il legame tra malattie e genetica, poi stile di vita, ambiente e stato fisico. Dei  casi analizzati, il 31% è stato rilevato come affetto da disturbo depressivo maggiore. I ricercatori hanno evidenziato appunto nei partecipanti affetti da depressione un livello più alto di proteina C-reattiva.

No a fumo e sovrappeso

Lo studio del Kings College di Londra ha escluso un legame tra la componente genetica e lo sviluppo della depressione. Bisogna invece fare attenzione allo stile di vita: comportamenti errati, come alimentazione scorretta e fumo possono aumentare lo stato infiammatorio. Seguire uno stile di vita sano ed equilibrato è un buon metodo, dunque, per contribuire al benessere psicologico.

 

 
 
 

Da sapere

Questo nuovo studio non ha trovato un nesso causa – effetto tra infiammazioni e depressione, ne ha solo evidenziato un potenziale legame. È nato però un nuovo filone di ricerche per trovare anche nuovi farmaci efficaci.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono incinta e non sono immune alla rosolia: è pericoloso fare il vaccino a mio figlio?

28/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

Nessuno studio ha mai evidenziato che un bimbo subito dopo essere stato vaccinato contro la rosolia possa trasmetterla. Di conseguenza, anche in gravidanza non si rischia nulla se si hanno contatti con un bambino appena vaccinato.  »

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Fai la tua domanda agli specialisti