L’amore? Per le donne è come un virus

Stefania Lupi
A cura di Stefania Lupi
Pubblicato il 22/03/2019 Aggiornato il 22/03/2019

Per le donne l’amore è come un virus: provoca una cascata di reazioni immunitarie, forse per preparare istintivamente il corpo alla gravidanza

L’amore? Per le donne è come un virus

Alle donne l’amore fa bene o fa male? La domanda è lecita, almeno se presta attenzione a quanto affermano alcuni studiosi americani, secondo i quali innamorarsi perdutamente è per le donne come una cascata – enorme ma misurabile – di reazioni immunitarie. Proprio come quando l’organismo combatte un virus, un’infezione o una influenza.

Istintiva preparazione alla gravidanza

L’amore come un virus, dunque? In realtà è molto di più, teorizzano gli esperti, che hanno analizzato un campione di 47 giovani donne: queste potenti trasformazioni, spiegano, starebbero ad indicare un’istintiva preparazione dell’organismo alle gravidanze. Ragione per cui si va verso un rafforzamento del sistema immunitario. Pubblicata sulla rivista Psychoneuroendocrinology, la ricerca è stata realizzata da scienziati delle università Tulane a New Orleans e della California a Los Angeles.

Il sistema immunitario cambia

Le 47 donne sono state seguite per due anni, confrontando le fluttuazioni immunitarie nei periodi in cui si innamoravano e in quelli in cui non erano innamorate. Per calcolare la risposta somatica all’amore – quello che gli stessi ricercatori hanno definito uno dei più importanti eventi dell’esperienza umana – lo studio ha rivelato il suo impatto sulle funzioni genomiche. Gli analisti hanno esaminato e condotto un ‘profiling’ di 115 campioni di cellule immunitarie circolanti delle volontarie. I risultati sono stati chiari: se quando le giovani si innamoravano le cellule marker della reazione immunitaria aumentavano, nei periodi di solitudine o di fine dei batticuori le risposte immunitarie tornavano nella norma.

Una curiosità

E GLI UOMINI?

L’indagine ora dovrebbe estendersi anche a un gruppo di uomini. Ma gli esperti non si aspettano le stesse potenti reazioni. L’organismo maschile, infatti, non si deve infatti preparare ad eventuali gravidanze.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti