L’istinto materno nasce dal cervello

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 02/09/2020 Aggiornato il 02/09/2020

Le cure del bebè prima di qualsiasi cosa. A dirigere l’istinto materno è il sistema nervoso, che “ordina” di occuparsi prima di tutto del neonato

L’istinto materno nasce dal cervello

Quando nasce un bambino, la donna mette il figlio al centro del proprio mondo, dedicandogli cure e coccole. Non è semplicemente una questione affettiva o psico-sociale: è il sistema nervoso che stimola l’istinto materno, impartendo a ogni donna il “comando” di occuparsi solo del proprio bebè. Lo ha dimostrato una ricerca condotta dagli esperti della Università del Massachusetts Amherst, pubblicata sulla rivista “eNeuro“.

Il neonato al primo posto

Ogni donna, quando mette al mondo un bimbo, dedica al figlio tutte le proprie energie e attenzioni. Si occupa quasi esclusivamente del neonato, trascurando altre normali incombenze come la casa o il lavoro. L’istinto materno non è motivato da abitudini sociali o dalla semplice affettività, ma da un complesso meccanismo neurobiologico, essenziale per il sano sviluppo fisico e cognitivo del bebè. Tutto questo si verifica perché lo stato di maternità inizia a controllare le aree del cervello che regolano le decisioni della vita quotidiana. La donna avverte come impulso primario quello di occuparsi del piccolo, dedicandosi alla sua cura e mettendo in secondo piano qualsiasi altra mansione.

Tutto parte dal sistema nervoso

Gli esperti americani, svolgendo una lunga ricerca sui topi, si sono accorti che quando si devono prendere decisioni si attiva la corteccia prefrontale, che filtra i diversi messaggi provenienti dagli stimoli esterni. Questi, giungendo al cervello, trasmettono al sistema nervoso i segnali su quello di cui ci si deve occupare. La corteccia prefrontale, appunto, stabilisce che cosa è più importante e, quindi, di questo ci si deve occupare in modo primario. Spesso si deve scegliere tra diversi stimoli, tutti ugualmente potenti e contrastanti. Quando si diventa mamma, per la prima volta o anche nelle gravidanze successive, si mette un moto un meccanismo neuro-biologico che subordina qualsiasi incombenza alla cura del bebè.

Un effetto più forte delle sostanze chimiche

Gli studiosi per la loro dimostrazione hanno preso spunto da una situazione in cui il cervello della donna è soggetto a uno stimolo potentissimo, quello delle droghe che causano dipendenza. Per dimostrare che una regione del cervello deve dare comunque priorità alla cura della prole, i ricercatori hanno studiato le reazioni di alcuni femmine di topi in un modello di laboratorio, per capire se il loro istinto materno le spingeva in “stanze” con i cuccioli, con le sostanze psicoattive o con sostanze neutre. Gli esperti hanno disattivato temporaneamente con un poco di anestetico locale alcune regioni delle cortecce prefrontali. Hanno quindi valutato la loro preferenza dei topi per i cuccioli o per la droga. Prima dell’inattivazione, il 40 per cento delle cavie preferiva trascorrere del tempo in una stanza associata alla cocaina, il 40 per cento si dirigeva in una stanza associata al proprio cucciolo e il 20 per cento sceglieva una stanza neutra.

L’ordine della corteccia prelimbica

Quando gli studiosi hanno disattivato la corteccia prelimbica dei topi, il 78 per cento di questo ha scelto la stanza della cocaina e nessuno ha scelto la stanza dei cuccioli. Quando è stata inattivata la corteccia prelimbica, simulando la situazione neurobiologica della maternità, il 71 per cento dei ratti preferiva la stanza dei cuccioli e nessuno sceglieva la stanza della cocaina. Gli esperti sono giunti alla conclusione che durante i primi mesi in cui si è mamme, dopo la nascita di un bambino, il cervello sceglie tra i vari stimoli della corteccia, escludendo ogni altro interesse per far si che si dia la priorità assoluta alla prole.

 

 
 
 

Da sapere

COME I PARENTI POSSONO AIUTARE LA NEOMAMMA

I primi tempi dopo la nascita di un bambino sono impegnativi, perché oltre a occuparsi del piccolo sono tanti gli aspetti quotidiani da gestire. Il papà, i nonni, gli amici possono aiutare la neomamma sollevandola da varie incombenze, per esempio provvedendo alla spesa per tutta la famiglia, riordinando la casa mentre mamma e neonato si riposano, cucinando qualcosa da surgelare per i giorni successivi.

Fonti / Bibliografia

  • Infralimbic Cortex Biases Preference Decision Making for Offspring over Competing Cocaine-Associated Stimuli in New Mother Rats | eNeuroIn the context of drug abuse, converging evidence suggests that cocaine use in new mothers is significantly reduced by the competing motivation related to child rearing. Given the demonstrated importance of the medial prefrontal cortex (mPFC) in decision-making processes, we investigated the contribution of distinct regions of the mPFC [anterior cingulate (Cg1), prelimbic (PrL), infralimbic (IL)] to decision making in new mother rats performing a concurrent pup/cocaine choice conditioned place preference (CPP) task. When given a choice, inactivation of IL cortex significantly biased decision making of mother rats toward cocaine-associated cues, highly contrasting the distribution of preferences by control groups. In contrast, inactivation of PrL cortex had the opposite effect, significantly increasing offspring bias in the decision making, such that none of the mothers chose the cocaine-associated alternative. Cg1 inactivation was without effect. Functional inactivation of these same m...
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti