Lo stress è… donna

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 31/05/2017 Aggiornato il 31/05/2017

Il gentil sesso risente maggiormente dello stress e fa più fatica a risalire la china dopo i periodi difficili. Ricadute sulla salute

Lo stress è… donna

Le preoccupazioni sono lo specchio della società moderna. E così, all’elevata e più che giustificabile dose di stress derivata dalla dipartita di una persona cara si affiancano cause solo pochi anni fa impensabili: dalla perdita del cellulare alla Brexit. “Il dato particolare – sottolinea Lucy Donaldson, Presidente della Commissione politica della Physiological Society – è che anche cambiando la causa, è sempre l’umore delle donne ad accusare di più lo stress. Con un impatto significativo sulla salute”.

Dal primo figlio al terrorismo

Lo studio ha preso in esame le interviste rilasciate da oltre 2.000 cittadini del Regno Unito. I quesiti riguardavano eventi che risultati particolarmente stressanti. I risultati hanno fotografato un universo femminile nettamente più provato di quello maschile, con la paura del terrorismo a far segnare il divario maggiore e le conseguenze dell’arrivo del primo figlio a livellare i valori verso un stabile equilibrio.

Cambia in base all’età

Quando si parla di stress, oltre al sesso, entrano però in gioco anche fattori come l’età e il livello d’istruzione. Lo stress cresce con l’età, ma i fattori sono estremamente diversificati. I più giovani accusano molto la perdita dello smartphone, la Brexit sembra pesare di più per i ragazzi tra i 18 e i 24 anni, mentre è sicuramente la nascita del primo figlio la più pesante spada di Damocle presente sulla testa degli intervistati tra i 25 e i 34 anni. Infine, la maggiore fonte di preoccupazione degli anziani deriva dalle malattie.

A rischio non solo il benessere mentale

“In molti – conclude Lucy Donaldson – sono a conoscenza degli effetti dello stress sul benessere mentale. Spesso si ignora, però, il suo impatto sul resto del corpo. Il cervello, i sistemi nervoso e ormonale ne subiscono oltremodo l’influenza negativa, influenzando il corretto e regolare funzionamento di cuore, sistema immunitario e gastrointestinale. L’insorgere di malattie viene accentuato da prolungati periodi stressanti. Tra le più comuni troviamo l’ulcera, ma sottovalutare lo stress può anche portare a un aumento del rischio di andare incontro a infarto”.

 

 

Da sapere!

La percezione dello stress è cambia in base al sesso: le differenze tra uomini e donne si manifestano nelle modalità con cui si affronta il problema.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Fai la tua domanda agli specialisti