Memoria: per migliorarla bastano 10 minuti di esercizio fisico

Luciana Pellegrino
A cura di Luciana Pellegrino
Pubblicato il 27/11/2018 Aggiornato il 27/11/2018

Dopo 10 minuti di esercizio fisico moderato aumenta la connettività tra corteccia e ippocampo apportando benefici alla memoria e al cervello. Ecco perché

Memoria: per migliorarla bastano 10 minuti di esercizio fisico

Basta praticare 10 minuti di esercizio fisico al giorno per migliorare la memoria e stimolare il cervello, qualunque sia l’attività. Lo dice uno studio effettuato da un team di studiosi dell’Università della California di Irvine e dell’Università giapponese di Tsukuba.

Il legame con lo sport

I ricercatori hanno esaminato 20 giovani, ai quali hanno chiesto di praticare 10 minuti di esercizio fisico moderato. Dopo aver effettuato sport, i volontari sono stati sottoposti a un test per misurare le loro capacità mnemoniche, da cui è emerso un netto miglioramento della memoria. Successivamente gli studiosi hanno chiesto a un altro gruppo di 16 persone di praticare i 10 minuti di attività fisica svolti dal primo gruppo. Con una risonanza magnetica hanno quindi osservato il cervello prima e dopo l’attività fisica, scoprendo un netto miglioramento della connettività tra la corteccia, che ha il compito di recuperare e distinguere i ricordi, e l’ippocampo, importante per la formazione dei ricordi.

Meno rischi demenza senile

Michel Yassa, professore dell’Università della California di Irvine, ha spiegato che l’ippocampo è una regione critica per il formarsi delle nuove memorie e una delle prime a deteriorarsi con l’invecchiamento, in particolare in caso di Alzheimer. Dunque, migliorare le funzionalità dell’ippocampo è un modo per potenziare la memoria ogni giorno. Una scoperta fondamentale anche per prevenire negli anziani la demenza senile. L’obiettivo ora è quello di individuare quanti e quali esercizi siano più adatti a loro, in modo da poterli aiutare a tenere lontano il declino cognitivo.

 

 

Da sapere!

Praticare attività fisica tutti i giorni aumenta la resilienza allo stress, riduce l’ansia, combatte il cattivo umore e la depressione.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quarto cesareo: quali rischi?
09/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Affrontare un cesareo, dopo averne effettuati altre tre, espone la donna a numerose eventualità spiacevoli che è bene considerare prima di decidere per una nuova gravidanza.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti