Mindfulness: meditazione di coppia contro lo stress

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 03/03/2017 Aggiornato il 03/03/2017

La tecnica mindfulness affonda le radici nello Yoga, nelle pratiche Zen e nel Buddismo. Ecco perché ha tanto successo

Mindfulness: meditazione di coppia contro lo stress

La mindfulness è una tecnica di meditazione praticata da oltre 20 milioni di americani. Negli ultimi anni sta rapidamente prendendo piede anche in Italia. Le sue radici nascono dallo Yoga, dalle pratiche Zen e dal Buddismo. Grazie alle intuizioni e agli studi del medico americano Jon Kabat- Zinn, nel corso degli anni ‘70 la mindfulness ha visto la sua applicazione estendersi anche in campo medico e psicoterapico. E con l’Insight Dialogue del maestro di meditazione Gregory Kramer, la mindfulness può essere praticata anche in coppia, per allontanare e prevenire lo stress nocivo.

Equilibrio mentale

Quando le giornate iniziano a essere pervase dallo stress e il tempo a nostra disposizione sembra azzerarsi, è buona prassi prendersi una pausa. Grazie alle pratiche mindfulness, questa pausa denoterà risvolti terapeutici e benevoli per tutto l’organismo, con effetti duraturi per una rinnovata percezione del mondo. Praticare la mindfulness con costanza e impegno permette di giungere a un equilibrio mentale che aiuta a vivere al meglio. Il concetto di base è imparare a guardare – e accettare – la vita per quella che realmente è.

Parola d’ordine: consapevolezza

Prendere coscienza del momento che si sta vivendo, in maniera serena e non giudicante con lo scopo di risolvere la sofferenza interiore. L’obiettivo è arrivare ad acquisire una maggiore consapevolezza di sé, della propria esistenza e del proprio essere: dai sentimenti ai pensieri, dalle relazioni interpersonali alle più piccole percezioni. Spesso, infatti, sensazioni che partono da un’errata valutazione di ciò che ci circonda, ci condizionano e plasmano paure infondate, senza nemmeno che ce ne rendiamo conto.

Il giusto peso

La mindfulness aiuta a guardare sotto nuova luce le proiezioni interiori, mostrandole per ciò che realmente sono: semplici pensieri e sensazioni che trovano un riscontro nella vita reale solo nel momento in cui siamo noi a dargli un valore. Analizzare i “contenuti” della nostra mente con maggiore consapevolezza aiuta a mettere in secondo piano le emozioni dettate dall’istinto e comprenderne il vero (e spesso irrisorio) valore oggettivo. Una pratica regolare consente di accettare il presente – e i suoi problemi – intraprendendo un percorso da compiere incanalando positivamente le energie ed eliminando i preconcetti alla base di molti nostri pensieri.

Per la vita di coppia

L’Insight Dialogue postulato da Gregory Kramer applica le teorie mindfulness alla coppia, partendo dai concetti di trasparenza sincerità e comprensione. Osservando il partner, riusciamo a scorgere il processo dell’Insight Dialogue in divenire e a comprenderlo più velocemente, in un continuo sostenersi a vicenda. Alla base di tutto deve comunque esserci la sincerità, verso l’altro e soprattutto verso noi stessi.

Cambiamenti dopo poche sedute

Già dopo alcune sedute, si è più rilassati e aperti, disponibili al dialogo e all’ascolto, per un percorso di autocoscienza e autocritica che porta effetti positivi in ogni aspetto della vita di coppia. La mindfulness rappresenta una diversa prospettiva da cui guardare il mondo. Un approccio nuovo che all’apparenza può sembrare distaccato, ma che in realtà permetterà di riappropriarsi della vita, assaporandola per ciò che è, momento per momento con un’accresciuta consapevolezza, minori preoccupazioni e stress.

 

 

 

da sapere!

La mindfulness è praticabile in diverse modalità, dalle lezioni di gruppo a quelle di coppia, dalle pause personali ai corsi online. A giovarne possono essere davvero tutti, a tutte le età e in ogni condizione.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fattore Rh negativo: l’immunoprofilassi anti-D va fatta in gravidanza?
11/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' più che opportuno che le donne con fattore Rh negativo che aspettano un bambino eseguano l'immunoprofilassi specifica già durante la gravidanza. L'iniezione (intramuscolare) dovrebbe essere effettuata da personale sanitario.  »

Vertigini a 13 anni: cosa può essere?
10/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Le vertigini potrebbero essere espressione di un problema che riguarda l'orecchio interno: solo la visita otoneurologica può escluderlo o confermarlo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti