Niente smartphone di sera per regolarizzare il sonno

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 03/12/2019 Aggiornato il 03/12/2019

Basta una settimana per “disintossicarsi” dall’abitudine all’utilizzo dello smartphone di sera, migliorando la qualità del sonno. Ecco perché

Niente smartphone di sera per regolarizzare il sonno

I ricercatori del Netherlands Institute of Neuroscience di Amsterdam hanno dimostrato che utilizzare lo smartphone di sera, prima di andare a dormire, può avere influenze negative sul sonno, in particolare per i più giovani, e al tempo stesso che la tendenza si può invertire in poco tempo.

Il problema è la luce blu

Lo studio è nato da un progetto di collaborazione tra l’Istituto olandese di neuroscienze e l’Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l’ambiente.  I ricercatori hanno preso in esame un gruppo di 55 adolescenti, trovando che quelli che passavano più di 4 ore al giorno davanti allo schermo si addormentavano in media 30 minuti dopo e avevano una maggiore probabilità di svegliarsi di notte. Nei più dipendenti dall’uso dello smartphone si sono riscontrate lunghe pause dalla fase rem del sonno e innumerevoli segnali di mancanza di riposo durante il giorno seguente. Per l’esperimento è stato chiesto a 25 tra gli utilizzatori più assidui di indossare degli occhiali che bloccano la luce blu o di evitare del tutto gli schermi la sera per due settimane. Già dopo sette giorni, il ritmo sonno veglia si era regolarizzato, diventando praticamente uguale a quello degli utilizzatori più sporadici. Gli autori dello studio hanno spiegato di aver dimostrato che i problemi nel sonno possono essere risolti facilmente diminuendo l’esposizione serale o schermando la luce blu di smartphone e tablet, ricordando come questa sovraesposizione comprometta non solo la vista (aumentando i rischi di miopia e cataratta) ma anche la produzione di melatonina (l’ormone che dà regolarità al sonno) da parte dell’organismo.

Non tutti sono d’accordo

La ricerca ha incontrato lo scetticismo di alcuni studiosi, secondo cui questo studio, per essere attendibile, dovrebbe essere ulteriormente approfondito ed esteso a un numero maggiore di persone. Nonostante ciò, comunque, la comunità scientifica è generalmente d’accordo sul fatto che tenere il telefono a distanza prima di andare a letto è sempre un fatto positivo.

 

Da sapere!

Secondo i ricercatori dell’università di Alberta i bimbi di cinque anni che guardano tv o smartphone per più di due ore al giorno hanno un rischio sei volte maggiore di avere problemi di attenzione all’asilo.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti