Papà depresso: figli a rischio

Laura de Laurentiis
A cura di Laura de Laurentiis
Pubblicato il 24/01/2018 Aggiornato il 10/08/2018

Se il papà è depresso i figli possono risentirne in modo negativo proprio come nel caso di depressione materna

Papà depresso: figli a rischio

Il più vasto studio condotto fino a ora sulle ripercussioni che la depressione paterna può avere sui figli ha permesso di osservare che il rischio di sviluppare un disturbo dell’umore durante l’adolescenza aumenta non solo per i ragazzi che hanno la madre colpita dal problema, ma anche per chi ha il papà depresso. In precedenza si pensava invece che il pericolo fosse significativo soprattutto in caso di depressione materna.

Le ricadute in famiglia

La ricerca, pubblicata dall’autorevole rivista scientifica Lancet Psychiatry, ha coinvolto studiosi dello University College di Londra, della Northwestern University di Chicago e dello University College di Dublino: è stata presa in esame la presenza di depressione nelle famiglie irlandesi e in quelle del Regno Unito. Gli studiosi hanno valutato in che misura un papà depresso potesse influenzare la comparsa del problema nei figli adolescenti: è emerso che il rischio cui i ragazzi sono esposti è pari a quello legato all’eventualità che a essere depressa sia la mamma. È probabile, dunque, che giochi un ruolo di rilievo nell’indurre la comparsa del più importante tra i disturbi dell’umore il clima pesante che si viene a creare tra le mura domestiche quando un componente della famiglia è interessato dalla depressione.

Una convivenza difficile

La convivenza con una persona depressa può essere davvero difficile, destabilizzante e a volte intollerabile, soprattutto per la sensazione di impotenza con cui ci si trova costantemente alle prese. Per essere d’aiuto al proprio caro e, allo stesso tempo, affrontare meglio il problema è importante acquisire la piena consapevolezza che si tratta di una malattia vera e propria che richiede cure specifiche e non ha nulla a che vedere con la volontà. Bisogna, quindi, vincere la tentazione di invitare la persona depressa a reagire, a “tirarsi su” (contando sulle sue sole forze) perché equivale a chiedere a qualcuno che non può camminare di alzarsi e fare una corsa. Non serve a nulla e, in più, può aumentare il senso di avvilimento e di angoscia dell’ammalato, peggiorando la situazione.

 

 

 

Lo sapevi che?

Secondo dati dell’Organizzazione mondiale della sanità, nel mondo sono 322 milioni le persone che soffrono di depressione (il 4,4% della popolazione mondiale). In dieci anni, dal 2005 al 2015, c’è stato un incremento dei casi del 18,5%.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Dubbi sulla lunghezza della circonferenza cranica
15/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

La valutazione dell’andamento della crescita del cranio è un dato molto importante nel primo anno di vita e deve essere confrontato con il peso, la lunghezza e più genericamente con lo sviluppo globale del bambino.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti