Partner: la sua presenza ha un effetto antidolorifico

Luciana Pellegrino A cura di Luciana Pellegrino Pubblicato il 14/10/2019 Aggiornato il 14/10/2019

Secondo uno studio avere il proprio compagno accanto diminuisce la percezione del dolore e allevia la sofferenza. Ecco perché

Partner: la sua presenza ha un effetto antidolorifico

Un gruppo di ricercatori dell’Università delle Isole Baleari di Palma di Mallorca e dell’Università di scienze della salute di Hall in Tirol, in Austria, ha scoperto il potere analgesico del partner per combattere e diminuire il dolore. Avere un sostegno da parte del proprio compagno nel momento di sofferenza, che non si tratti necessariamente di un contatto verbale o fisico, può dunque avere un effetto antidolorifico.

Lo studio  su quasi 50 coppie

I ricercatori  hanno esaminato la sensibilità al dolore da pressione di ben 48 coppie, di cui ogni partecipante era stato testato sia singolarmente sia insieme al proprio compagno. I ricercatori dello studio, pubblicato sulla rivista medica Scandinavian Journal of Pain, hanno poi cercato di capire quale fosse la soglia del dolore dei partecipanti grazie a un questionario.

Il partner come antidolorifico naturale

Dai risultati del test si è scoperto che sia gli uomini sia le donne, in presenza del rispettivo partner, hanno manifestato una tolleranza al dolore più elevata. Avere un compagno accanto significa quindi percepire meno dolore poiché l’empatia del proprio partner porta ad attenuare il disagio nel momento in cui si manifesta il livello di sofferenza.

Soglia di dolore

La soglia del dolore è la sensibilità nel sopportare o percepire il dolore, che può cambiare da persona a persona. Ci sono persone che non sopportano neanche un leggero fastidio e altre che invece riescono a sopportare dolori lancinanti. L’intensità di soglia è il punto in cui lo stimolo per ogni soggetto viene considerato dolore. Avere una soglia del dolore più alta aiuta a vivere bene e a migliorare la qualità della propria vita sotto ogni aspetto, da quello sentimentale a quello lavorativo e sociale.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il dolore può essere cronico, quando il sintomo dura a  lungo compromettendo la qualità della propria vita, o acuto, quando compare all’improvviso e termina con la guarigione della condizione che lo ha scatenato.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccini tetravalente ed esavalente e possibili effetti indesiderati

06/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Qualsiasi vaccino dà luogo a effetti indesiderati che comunque sono molto meno gravi di quanto potrebbero essere le conseguenze della malattia contro cui vengono effettuati.  »

Bimbo che vuole mangiare solo pochi alimenti

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Occorre stare molto attenti a non trasformare l'ora dei pasti in un momento in cui il bambino tiene in pugno tutta la famiglia e il modo migliore per evitarlo, favorendo un rapporto sereno con il cibo, è mostrare indifferenza se rifiuta una cibo e zero esultanza se, invece, lo mangia.   »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti