Più intelligenti con il cioccolato?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 12/04/2016 Aggiornato il 12/04/2016

Una ricerca australiana affermerebbe che mangiare cioccolato renderebbe più intelligenti, qualunque tipo essa sia: fondente o al latte. Ecco perché

Più intelligenti con il cioccolato?

Un recente studio renderà felice tutti gli amatori del cioccolato! Infatti, secondo studio della University of South Australia pubblicato sulla rivista Appetite, il cioccolato fondente, ma anche quello al latte, potenzierebbe le funzioni cognitive se presente nella dieta regolarmente, ossia almeno una volta alla settimana.

Flavonoidi preziosi per il cervello

Sarebbero i flavonoidi, sostanze antiossidanti già molto apprezzate per i dimostrati effetti benefici cardiovascolari, a mantenere il cervello giovane e reattivo e a rallentare il declino cognitivo legato all’età. Lo studio aveva previsto l’analisi dei consumi di cioccolato di 968 persone nell’arco di 30 anni. Al campione erano stati somministrati periodicamente dei questionari alimentari. Inoltre il campione era stato sottoposto ad alcuni specifici test cognitivi per misurare le performance in vari ambiti: memoria visiva, di lavoro, verbale.

Basta una volta alla settimana

Questo studio dimostrerebbe come un consumo costante, almeno una volta alla settimana, sarebbe associato a migliorare le funzioni cognitive in tutti i campi, in particolare la memoria spazio-visuale, organizzativa e il ragionamento astratto. E la cosa interessante è che questo effetto benefico si otterrebbe consumando qualunque tipo di cioccolata. E poiché questo risultato si verificherebbe sia con il cioccolato fondente sia con quello al latte, i ricercatori sarebbero portati a pensare che non dipenderebbe solo dal contenuto di flavonoidi, che varia di molto a seconda del tipo di cioccolato. È, infatti, molto apprezzabile soprattutto nel cioccolato fondente.

 

 

 

 
 
 

In breve

COME AGISCONO I FLAVONOIDI

L’azione benefica salva-cuore dei flavonoidi deriverebbe dalla capacità di contrastare la formazione delle “placche” nelle arterie svolgendo, di conseguenza, un ruolo di protezione contro gli infarti.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti