Psicobiotica: tra depressione e cibo c’è un legame

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 17/08/2016 Aggiornato il 17/08/2016

Una corretta alimentazione influenza positivamente la psiche e la qualità di vita e aiuta a prevenire disturbi come la depressione. È la psicobiotica

Psicobiotica: tra depressione e cibo c’è un legame

Ci sarebbe una correlazione tra cibo e mente, in particolare l’alimentazione non sarebbe un fattore scatenante dei disturbi psichiatrici, ma li influenzerebbe. La disciplina che studia tutto questo si chiama Psicobiotica.

Antidepressivi nel piatto

Stando a diverse ricerche presentate all’ultimo congresso della Società americana di psichiatra una sana alimentazione apporterebbe benefici sui sintomi depressivi. La spiegazione deriverebbe dal fatto che quasi tutti i recettori della serotonina (si parla del 95%), su cui agisce una specifica categoria di antidepressivi (Ssri), si trovano sull’epitelio intestinale. Il recupero graduale di una condizione di benessere sarebbe garantito innanzitutto, ma non solo, dagli alimenti di origine vegetale. Molto dipenderebbe da alcuni nutrienti come:

Più a rischio i vegetariani

Secondo il dottor Ramsey, docente di psichiatria alla Columbia University (New York) sarebbero proprio questi elementi a determinare “la stabilizzazione della membrana neuronale e gli effetti antiinfiammatori”. E proprio il fatto che, tra questi, ci sia anche la vitamina B12 confermerebbe che non si debba seguire una dieta vegetariana e, peggior ancora, vegana, visto che questa vitamina si trova principalmente negli alimenti di origine animale.

Gli alimenti “amici” della mente

A tavola non dovrebbero mai mancare:

  • Verdura a foglia verde
  • Frutta secca (nocciole, noci, arachidi)
  • Polpi, calamari, lumache
  • Molluschi (cozze, vongole, ostriche)

Pesce (alici, sarde, sgombri). I pesci di grande taglia, visto il rischio di contenere elevate quantità di mercurio, sono invece sconsigliati.

Al via altri due studi

Alla luce dei risultati delle attuali ricerche, due gruppi di studio australiani avvieranno una prima ricerca clinica randomizzata mirata a testare l’effetto di una dieta ricca dei nutrienti probabilmente benefici in individui affetti da sindromi depressive di moderata e grave entità. I risultati definitivi sono previsti per la fine dell’anno, ma quelli preliminari sono stati definiti da Ramsey “positivi, oltre le nostre aspettative”.  

I consigli da seguire

Per contribuire a migliorare i disturbi psichiatrici come la depressione, le forme di demenza e anche la sindrome da deficit di attenzione e iperattività (Adhd), l’Università di Harvard ha reso noto un vademecum di indicazioni dedotto dalle principali evidenze scientifiche:

  • Prediligere l’acqua a tavola.
  • Abbondare con gli alimenti ricchi di carboidrati complessi (pasta, pane, cereali in grani): metabolizzati più lentamente, mantengono costante la concentrazione di zuccheri nel sangue.
  • Portare in tavola tutti i giorni la frutta e la verdura: forniscono un prezioso contributo in quanto ricchi di antiossidanti.
  • Mantenere la regolarità nei pasti, senza la quale in alcune ore del giorno si possono verificare bruschi cali della glicemia e ciò non aiuta a tenere l’ansia sotto controllo.

 

 
 
 

lo sapevi che?

La vitamina B12 si trova in piccolissime quantità in lievito e semi germogliati; in buone quantità in latte, formaggi e uova; in maggiori quantità in fegato, carni, molluschi e pesci.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti