Psicologia post gravidanza: le 7 frasi che fanno la felicità delle neomamme

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 09/06/2019 Aggiornato il 11/06/2019

Non è facile essere una neomamma, tra dubbi, sbalzi ormonali, consigli non richiesti e nottate in bianco. Ecco qualche consiglio di psicologia post gravidanza per parenti, amici e chiunque le stia vicino

Psicologia post gravidanza: le 7 frasi che fanno la felicità delle neomamme

A volte si vuole aiutare una persona e si finisce per farla stare peggio. Un recente libro di psicologia post gravidanza suggerisce le cose da dire alle neomamme per farle sentire meglio, accusare meno la fatica e innalzare l’autostima. Orange Rhino, mamma e blogger, ha deciso di scrivere un libro, intitolato “Yell Less, Love More: How The Orange Rhino Mom Stopped Yelling at Her Kids and How You Can Too”, con tutte le frasi che possono incoraggiare e aiutare le donne in questa fase così delicata. Un vero e proprio vademecum  di psicologia “salva vita”. Ecco sette proposizioni da imparare a memoria per neopapà, nonni e amici.

Ti ammiro. Dove trovi l’energia per fare tutto?

Le neomamme compiono sforzi davvero titanici. Nonostante i postumi del parto, gli ormoni ballerini e l’allattamento al seno, riescono a gestire le innumerevoli richieste di un bebè, a sopportare pianti isterici, a dormire pochissime ore per notte. Per questo, sapere che gli altri capiscono quanto si stanno impegnando è di grande consolazione e incoraggiamento.

Stai facendo davvero un gran lavoro

Tutte le neomamamme, anche quelle con un carattere forte, devono affrontare quotidianamente dubbi, piccoli cedimenti e frustrazioni. E molte volte sono esposte alle critiche più o meno velate di conoscenti, parenti e amici. Sentire ogni tanto una voce amica, che dichiara di apprezzare i propri sforzi, è davvero bello.

So che è difficile

Inutile negarlo: essere mamma e doversi occupare di un neonato è complicato. Ma non tutti lo sanno. Ecco perché quando qualcuno lo riconosce, la donna si sente più leggera e compresa.

Hai delle impronte di mani sul sedere

Le neomamme si riconoscono perché non sono quasi mai in perfetto ordine: hanno piccole tracce di rigurgito fra i capelli, camicette macchiate in corrispondenza del seno, odorano di latte e di prodotti per il bagnetto. Questo non significa, però, che siano disposte a mostrarsi completamente “sfatte”. Se qualcuno la avverte di impronte inopportune, l’imbarazzo generale si attenua, magari con una bella risata.   

Hai bisogno di un fazzoletto?

Anche se dotate di risorse inesauribili, le donne che sono diventate mamme da poco non sono eroine. Fra cura del piccolo, gestione della famiglia, magari ripresa del lavoro, avere dei crolli è normale. Rendersi conto che gli altri lo capiscono è di conforto. Oppure aiuta a lasciarsi finalmente andare e sfogarsi un po’.

Siamo tutte sulla stessa barca

Avere la consapevolezza di non essere da sole ad affrontare le battaglie quotidiane è il primo passo per affrontarle senza soccombere.

Lasciati aiutare

Alcune persone non amano chiedere aiuto. Ma tutte le neomamme hanno bisogno di un supporto, pratico e psicologico. Sì, dunque, a offrirsi di dare una mano. Anche nelle piccole cose: per loro sarà già moltissimo. 

 
 
 

In breve

CONSIGLI PER I PAPA’

Il neopapà, oltre a stare attento a ciò che dice, deve anche aiutare la donna nella gestione della casa e del bambino. Così sgrava la compagna di una parte delle responsabilità e dei compiti. 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Pillola sospesa: è normale che tornino subito le mestruazioni?
25/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che dopo la sospensione della pillola il flusso mestruale si ripresenti.   »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti