Salute della coppia: i tira e molla sono tossici

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 16/10/2018 Aggiornato il 16/10/2018

Quando una coppia non è solida non soffre solo il cuore. I continui tira e molla con il partner portano ansia e depressione

Salute della coppia: i tira e molla sono tossici

Si stima che il 60% degli adulti abbia vissuto una condizione di tira e molla con il partner. In queste situazioni si provano sensazioni contrastanti. Ma un amore sbagliato può avere ripercussioni sulla salute della coppia. Secondo una ricerca dell’Università del Missouri, infatti, chi vive una relazione di tira e molla è a rischio di ansia e depressione.

Fa meno male un taglio netto

Solitamente, dietro una coppia che si lascia e si riprende con frequenza ci sono problemi legati a scarsa comunicazione e bassi livelli di coinvolgimento. Nei casi peggiori si possono riscontrare anche violenze e prepotenze. Spesso allontanarsi dal partner per un certo periodo può aiutare a riscoprire l’importanza della relazione, tuttavia, quando il tira e molla diviene una costante, a rimetterci è la salute della coppia. Meglio allora darci un taglio netto.

Non sentirsi mai in obbligo

Guidati da Kale Monk, i ricercatori americani hanno preso in esame i trascorsi sentimentali di quasi 550 persone. Lo studio ha rivelato come a un aumento di ricongiungimenti con il partner corrispondessero sintomi di stress psicologico. Il consiglio di Monk è dunque quello di valutare bene le possibilità. Nessuno è legato obbligatoriamente a un’altra persona. È buona norma quindi fermarsi a ragionare sulla propria condizione e sui motivi della rottura. È importante evitare di riallacciare i rapporti solo per obblighi o convenienza, ed essere sinceri con se stessi quando ci si rende conto che alcuni problemi possano continuare a minare la salute della coppia anche dopo la riappacificazione.

 

 

Da sapere!

 

La comunicazione è il primo passo per una vita di coppia serena e condivisa. In questo senso, la terapia di coppia può essere utile per chi vive un periodo di crisi.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti