Sculacciate: attenzione agli effetti negativi

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 08/01/2014 Aggiornato il 08/01/2014

Un recente studio dimostra che anche due sole sculacciate alla settimana possono rendere i bambini più aggressivi 

Sculacciate: attenzione agli effetti negativi

Per alcuni sono assolutamente vietate. Molti genitori, invece, credono che alcune punizioni e sculacciate “mirate” siano non solo necessarie ma addirittura benefiche. Un recente studio potrebbe, però, far crollare le loro certezze. Secondo un gruppo di ricercatori americani, della Columbia University di New York, infatti, anche due sole sculacciate alla settimana possono generare effetti molto negativi nei bambini. 

Conseguenze sul comportamento

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Pediatrics, ha coinvolto oltre 2.000 bambini di età compresa fra i tre e i cinque anni, residenti in venti città degli Stati Uniti. Gli autori hanno chiesto ai genitori di indicare quante volte alla settimana rimproverassero i figli ricorrendo anche alle sculacciate. Inoltre, gli studiosi hanno analizzato il comportamento e il vocabolario dei bambini all’inizio dello studio e al compimento del nono anno di età. Lo scopo era valutare il grado di aggressività negli atteggiamenti e nelle parole. Più della metà delle mamme e il 40% dei papà ha dichiarato di sculacciare i figli, in media due volte alla settimana. Ebbene, i bambini che sono stati sculacciati da piccoli, a nove anni avevano un vocabolario meno ricco e comportamenti più aggressivi rispetto agli altri. 

Una spirale di violenza

Gli studiosi hanno concluso che se i genitori ricorrono alle sculacciate i bambini tendono a introiettare comportamenti aggressivi. È come se mamma e papà, utilizzando questi gesti, insegnassero al figlio che la violenza è una soluzione efficace, in grado di risolvere i problemi. Ecco perché i figli, per diversi anni, sviluppano lo stesso grado di bellicosità. 

In breve

MEGLIO ALLENTARE LA TENSIONE

Mamma e papà non devono sentirsi in colpa se talvolta perdono la pazienza. Ogni tanto è normale sentirsi sotto pressione. Invece di cedere alle sculacciate, però, può essere utile allontanarsi per un momento dai bambini e far sbollire la rabbia e l’impazienza. 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti