Il segreto per essere felici? Muoversi di più

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 24/03/2017 Aggiornato il 24/03/2017

Ogni movimento che compiamo durante la giornata porta benefici alla salute e aiuta a essere felici. Ecco perché

Il segreto per essere felici? Muoversi di più

Che lo sport abbia effetti positivi sul nostro organismo è una verità ormai consolidata. Ora però, uno studio condotto dall’Università di Cambridge, e pubblicato sulla rivista Plos One, dopo avere monitorato per diciassette mesi la condizione psico-fisica di oltre 10.000 individui, ha concluso che, nel breve e nel lungo periodo, più ci muoviamo e più possibilità abbiamo di essere felici.

Importante ogni movimento

Numerosi studi prima di questo hanno analizzato le probabilità di essere felici in relazione all’attività fisica. Fino a oggi, però, sotto la lente dei ricercatori era caduto esclusivamente l’esercizio fisico propriamente detto, trascurando il fatto che anche una passeggiata, una corsa al parco o il semplice tragitto a piedi per raggiungere il lavoro rientrino a tutti gli effetti sotto la definizione di attività fisica. Questi movimenti fanno parte della vita di ognuno di noi e, forse perché li compiano senza pianificarli, spesso tendiamo a non considerarli un vero e proprio esercizio.

Un’app per smartphone

Per reperire e analizzare l’impressionate mole di dati derivata dal maxi campionei, gli studiosi inglesi hanno sviluppato un’applicazione per smartphone. L’utilizzo dei cellulari ha così permesso con il minimo sforzo di monitorare costantemente l’attività giornaliera di ogni singolo individuo. Sfruttando a dovere le potenzialità offerte dai moderni smartphone è, infatti, possibile ricavare una gran quantità di informazioni utili. 

Gli elementi considerati

Attraverso i sensori di movimento dello smartphone, l’applicazione ha permesso di ricavare stime oggettive circa l’attività fisica – anche minima – compiuta da ogni individuo durante l’arco della giornata. Semplici e veloci questionari in-app hanno, invece, velocizzato la valutazione costante circa lo stato d’animo delle persone e il loro essere felici, tenendo in considerazione l’attività fisica svolta a pochi minuti dal questionario, l’ubicazione e le interazioni sociali.

Passo passo verso la felicità

Incrociando i risultati dei questionari psicologici con la rilevazione dell’attività fisica è emersa una stretta correlazione tra i due aspetti. Le persone che si muovono di più sono più felici, si svegliano prima il mattino, vanno a dormire più tardi la sera e, rispetto alle persone meno attive, mostrando livelli di attività fisica più elevati durante il giorno. Lo studio è servito anche a rimarcare la realtà opposta e cioè che una vita troppo sedentaria è sinonimo di cattive condizioni di salute, anche mentali.

Premessa per altri studi

I risultati si pongono come punto di partenza per progetti di ricerca futuri che mirino a studiare la felicità delle persone o altri aspetti strettamente legati alle scienze del comportamento. In ultima analisi, lo studio ha dimostrato tutte le potenzialità degli smartphone in tema di raccolta dati, ponendoli come strumenti fondamentali per future indagini volte al monitoraggio quotidiano di platee sempre più estese ed eterogenee.

 

 

 
 
 

da sapere!

Oggi sono disponibili molte app mediche per smartphone. Vanno, però, consultate con cautela e in ogni caso non sostituiscono il parere del medico.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Distacco amniocoriale: il riposo lo risolve?
20/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Se non compaiono perdite di sangue, né dolori è verosimile che il distacco amniocoriale non abbia dato luogo a complicazioni.   »

Sulla riuscita della PMA
16/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il successo della procreazione medicalmente assistita dipende strettamente dall'età della donna.   »

Vaccinazioni: quanto aspettare dopo una malattia febbrile?
02/05/2019 Gli Specialisti Rispondono

Per ottenere la massima risposta immunitaria da una vaccinazione, occorre praticarla quando la condizione di salute del bambino è ottimale.   »

Fai la tua domanda agli specialisti