Selfie: troppi sono un segnale di narcisismo?

Luce Ranucci
A cura di Luce Ranucci
Pubblicato il 03/01/2019 Aggiornato il 03/01/2019

In casa e soprattutto fuori, soli e in compagnia: scattare in continuazione selfie e pubblicarli sui social sembra aumentare il rischio di diventare narcisisti

Selfie: troppi sono un segnale di narcisismo?

Farsi troppi selfie ogni giorno, quando si esce e persino quando si sta in casa, e soprattutto pubblicarli sui social può aumentare il rischio di trasformarci in narcisisti. Lo suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista  medica The Open Psychology Journal dagli scienziati dell’Università di Swansea (UK) e dell’Università Statale di Milano.

Sempre al centro dell’attenzione

Secondo questo studio farsi troppi selfie e pubblicarli sui social network potrebbe aumentare e di molto le probabilità di manifestare tratti narcistici. “L’uso dei social media per pubblicare messaggi visivi potrebbe enfatizzare la percezione degli individui narcisistici di essere al centro dell’attenzione – spiega il professor  Roberto Truzoli, che ha coordinato l’indagine – La mancanza di una censura sociale ‘diretta’ potrebbe offrire loro l’opportunità di manifestare alcuni aspetti della loro personalità narcisistica, di presentarsi in modo grandioso e di realizzare fantasie di onnipotenza”.    

L’analisi durata 4 mesi

Nel corso dell’indagine, gli studiosi hanno monitorato per quattro mesi i cambiamenti di personalità di ben 74 persone tra 18 e 34 anni, valutando anche il loro utilizzo dei social media – come Twitter, Facebook, Instagram e Snapchat. Tutti i partecipanti  all’indagine (tranne uno), utilizzavano regolarmente i social per tre ore al giorno per motivi ludici. Il 60% del campione utilizzava quotidianamente Facebook, il 25% Instagram e il 13% Twitter e Snapchat. Oltre i due terzi usavano i social per postare immagini.

Eccessivo protagonismo

Alla fine dell’osservazione i ricercatori hanno valutato che i volontari che postavano più spesso le loro foto su internet mostravano, in media, un aumento del 25% di tratti narcisistici. Questo incremento ha portato molti di loro a superare il limite clinico che delimita il “disturbo narcisistico di personalità”, che si manifesta con protagonismo eccessivo, presunzione di superiorità e tendenza a strumentalizzare gli altri. Lo studio ha anche evidenziato che coloro che utilizzavano principalmente i social per postare messaggi verbali non mostravano questi stessi effetti. Tuttavia, in questo gruppo di persone, il livello iniziale di narcisismo  è risultato influenzare l’utilizzo dei social media: più erano narcisisti all’inizio, più tendevano con il tempo a intensificare la pubblicazione di post.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I risultati indicano che circa il 20% delle persone potrebbe rischiare di sviluppare tratti narcisistici associati a un uso eccessivo dei messaggi visivi sui social media, ha spiegato Phil Reed, primo autore della ricerca.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Nonni che baciano sulla bocca il bambino: che grande sbaglio!

Il bacio sulla bocca è un gesto che appartiene al mondo degli adulti, quindi è sbagliato che i nonni se lo scambino con i nipotini. A maggior ragione se la mamma lo ha vietato.   »

Cosa deve mangiare a un anno di vita?

Le più recenti linee guida suggeriscono che dallo svezzamento in avanti il bambino dovrebbe mangiare gli stessi pasti del resto della famiglia.   »

Senza pannolino quant’è difficile!

Può capitare che i bambini non ancora abbastanza pronti per dire addio al pannolino, se vengono forzati all'uso del vasino inizino a ignorare lo stimolo a evacuare.   »

Fai la tua domanda agli specialisti