Sharenting, in Russia più condivise le foto dei figli maschi

Silvia Finazzi
A cura di Silvia Finazzi
Pubblicato il 21/03/2019 Aggiornato il 21/03/2019

I russi amano lo sharenting, ma solo per i figli maschi. In ogni caso, postare online le foto di bambini e ragazzi nasconde insidie da non sottovalutare

Sharenting, in Russia più condivise le foto dei figli maschi

Lo sharenting, ossia la pratica di postare su social e altri siti foto o video dei propri figli, è un argomento molto discusso. Infatti, c’è chi è a favore e lo fa senza porsi troppi problemi e chi, al contrario, è assolutamente contrario e critica chiunque non abbia le sue stesse convinzioni. In Russia sembrano prevalere i primi, perlomeno quando si tratta di figli maschi. A dirlo uno studio condotto da un’equipe di ricercatori della Higher School of Economics di Mosca, pubblicato sulla rivista Pnas.

Una ricerca molto ampia

Gli autori della ricerca hanno analizzato ben 62 milioni di post pubblicati dagli oltre 600.000 utenti del social network più popolare della Russia, VK. Lo scopo era capire se i genitori fossero a favore o meno dello sharenting ed eventualmente in che modo si comportassero nel mettere in atto questa pratica.

Netta preferenza per i maschi

Dall’analisi dei risultati è emerso che in Russia lo sharenting è una pratica che nasconde una profonda discriminazione. Infatti, sia le mamme sia i papà pubblicano sul social VK soprattutto foto dei figli maschi. In generale, i post riguardanti i bambini e i ragazzi sono il 20% in più di quelli che riguardano bambine e ragazze. Una disparità che non può essere spiegata solo in termini di differenze numeriche fra maschi e femmine: in Russia nascono 106 maschi per 100 femmine. Non solo. Gli studiosi hanno anche notato che, mediamente, le immagini e i post di ragazzini attraggono quasi il doppio di “mi piace”, da persone di entrambi i sessi. “Questa preferenza di genere potrebbe sembrare innocua se paragonata ad altre discriminazioni. Ma, data la popolarità dei social media, milioni di utenti risultano esposti a un feed che diffonde concetti di disuguaglianza e, senza neppure accorgersene, passa il messaggio che dedicare più attenzione ai figli maschi sia normale” hanno commentato gli esperti.

In Italia la situazione è diversa

Fortunatamente, in Italia non esiste alcun dato che indichi lo stesso problema. Probabilmente, dunque, la discriminazione è legata al contesto culturale russo. In ogni caso, lo sharenting non va preso sotto gamba. Al di là del discorso della sicurezza, infatti, esiste anche quello della privacy: i figli potrebbero non voler apparire online e magari, una volta cresciuti, non riconoscersi nelle immagini e nei video postati dai genitori. Certi post potrebbero ferirli o metterli in imbarazzo.

 

Attenzione

CHIEDERE IL PERMESSO AGLI ADOLESCENTI

Nel caso di figli adolescenti, lo sharenting è ancora più pericoloso. Per esempio, un’immagine apparentemente innocente potrebbe non far piacere al ragazzo perché il suo abbigliamento non è curato o il contesto non è abbastanza cool. E le volontà del ragazzo andrebbero rispettate.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti