Shopping compulsivo: è una vera e propria malattia

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 12/03/2015 Aggiornato il 12/03/2015

Secondo le stime, circa l’8% degli italiani soffre della malattia da shopping compulsivo. Ecco i consigli per affrontarla al meglio

Shopping compulsivo: è una vera e propria malattia

Quasi tutte le donne amano fare acquisti. Del resto, com’è possibile resistere di fronte ai pantaloni che si sognano da sempre o al cappottino all’ultima moda? Ma per alcune persone il desiderio di comprare si trasforma in una vera e propria necessità. Significa che soffrono di shopping compulsivo, che i medici considerano una patologia, al pari dell’alcolismo e del gioco d’azzardo.

È un’ossessione incontrollabile

Secondo le stime degli esperti, soffre della malattia da shopping compulsivo circa l’8% degli italiani. Non si tratta di un semplice impulso all’acquisto, ma di una sorta di ossessione impossibile da controllare. “La patologia legata allo shopping è identificata dall’incapacità di scegliere di non comprare. Quindi, le persone che soffrono di tale disagio un po’ come gli alcolisti e i giocatori d’azzardo, non possono fare a meno di comprare. Seppur reputino il comportamento del tutto disfunzionale, alla fine non riescono a sottrarsi” ha spiegato Michele Cucchi, direttore sanitario del Centro Medico Santagostino di Milano. 

Ogni tanto è normale lasciarsi andare

Ben diverso, dunque, è il caso di chi ogni tanto si concede piccole follie, magari per trovare conforto in un periodo difficile o quando si è un po’ tristi e depressi, o per togliersi quello sfizio che lo tenta da tanto tempo. In queste situazioni non bisogna preoccuparsi: se lo shopping è un “passatempo” che si riesce a controllare e che regala piacere, non c’è niente da temere.

4 suggerimenti preziosi

Nel caso in cui ci si renda conto che l’impulso agli acquisti sta diventando irrefrenabile, è bene chiedere aiuto. Si possono poi adottare alcuni stratagemmi per migliorare il proprio malessere. Innanzitutto, è bene ritagliarsi dei piccoli momenti di piacere nell’arco della giornata. Coccolandosi e gratificandosi in maniera costante si riduce il rischio di accumulare un bisogno di soddisfazione, che magari spinge poi a darsi allo shopping compulsivo. È consigliabile iniziare ad apprezzarsi maggiormente. Se la persona trova dentro di sé l’appagamento, ha meno necessità di ricercarlo all’esterno. Non tentare di nascondere le proprie paure, altrimenti si diventa ancora più fragili. Ammettere ciò che si teme, rende più forti. Cercare di porsi più domande, rispondendo in maniera sincera. Per esempio, chiedersi cose come “Ciò che faccio mi piace? Se non mi piace, che cosa potrei cambiare”? oppure “Davvero dopo che avrò fatto questo acquisto mi sentirò meglio?”. 

 

 

 

In breve

SPESSO SI COMPRANO OGGETTI INUTILI

Chi soffre di shopping compulsivo spesso finisce con il comprare oggetti del tutto inutili. In effetti, gli acquisti sono completamente al di fuori di una logica razionale.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti