Sonno disturbato per 7 italiani su 10. Più colpite le donne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/05/2016 Aggiornato il 10/05/2016

Tra le problematiche riscontrate difficoltà nell'addormentarsi, frequenti risvegli notturni e risvegli precoci. I dati sul sonno degli italiani in un sondaggio Eurodap

Sonno disturbato per 7 italiani su 10. Più colpite le donne

Sono circa il 70% gli italiani che “combattono” con il sonno e, alla mattina, si ritrovano meno riposati di quando sono andati a dormire. Diverse le problematiche riscontrate che impediscono loro di dormire in modo soddisfacente: si va dalla difficoltà nell’addormentarsi, ai frequenti risvegli notturni, fino ad arrivare ai risvegli precoci, anche diverse ore prima che suoni la sveglia. A mettere in evidenza il problema è un sondaggio effettuato dall’Eurodap, l’Associazione europea disturbi da attacchi di panico, al quale hanno risposto 900 persone.

Donne più colpite

In particolare, dai dati emerge che quattro italiani su dieci hanno difficoltà ad addormentarsi, tre su dieci hanno diversi risvegli durante la notte e due su dieci si svegliano sempre molto prima della sveglia. Le donne soffrono più degli uomini di sonno disturbato, mentre questi ultimi superano le rappresentanti del gentil sesso in quanto a risvegli precoci.

Ansia e stress le prime cause

Come spiega Paola Vinciguerra, psicoterapeuta e presidente dell’Eurodap, “dai dati è emerso che il 10% del campione intervistato ha difficoltà molto gravi nell’addormentarsi”. Le cause possono essere di vario tipo, “e tra di esse una delle primarie è sicuramente l’accumulo di stress e l’ansia”. I disturbi del sonno, indipendentemente siano rappresentati dalla difficoltà a prendere sonno, dai frequenti risvegli o dai risvegli precoci, “sono sintomi che non vanno mai sottovalutati – conclude Vinciguerra -. Indicano chiaramente che a livello emotivo siamo in allarme, ci sentiamo minacciati. Questi disturbi a lungo andare possono avere ripercussioni importanti sul nostro stato fisico e psicologico, e possono arrivare a creare problemi alla sfera lavorativa, sociale e relazionale“.

Per dormire meglio

Per preparare il nostro organismo nel mondo migliore a un buon sonno ristoratore è preferibile non andare a letto con lo stomaco troppo pieno. Evitare, poi, di consumare alimenti che stimolano il sistema nervoso – come i formaggi stagionati ricchi di tiramina e le bevande contenenti caffeina e teina – e puntare invece sul consumo di alimenti come avena, ciliegie, noci o mandorle, che stimolano la produzione di melatonina, l’ormone responsabile del sonno. Infine per predisporre la mente a un buon sonno è fondamentale evitare eccessivi stimoli luminosi poco prima di coricarsi: ricordare quindi di spegnere tv, tablet e smartphone e abbassare le luci di casa almeno mezz’ora prima di andare a letto.

 

 

lo sapevi che?

È meglio addormentarsi sul fianco sinistro perché facilita la digestione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti