Sonno: migliora se dormi con un animale

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 26/01/2016 Aggiornato il 26/01/2016

Condividere il letto con un amico a 4 zampe rilassa, migliore l’umore e aumenta il senso di sicurezza: con il risultato di un sonno di qualità

Sonno: migliora se dormi con un animale

Dormire con il proprio cane o gatto migliora il sonno: è quanto sostiene una ricerca della Mayo Sleep Clinic (Stati Uniti) che ha coinvolto 150 volontari, di cui il 49% proprietario di un animale domestico. Secondo i ricercatori, un numero consistente di persone afferma di dormire meglio con il proprio “pet”: non solo single, ma anche persone che passano la notte da sole perché il partner viaggia per lavoro o lavora di notte.

Un’abitudine molto diffusa

Oltre la metà degli amici a 4 zampe divide la camera o il letto con il padrone e in 8 casi su 10 questo ne è felice. Solo il 20% lamenta che gli animali disturbano il sonno russando, piagnucolando o a causa dei bisogni fisiologici. Gli intervistati riferiscono che l’esperienza di condivisione del sonno con il proprio compagno peloso è appagante, distensiva e anche utile, perché la presenza dell’animale fa sentire al sicuro, scalda il letto e rilassa. La conclusione: dormire con il proprio cane o gatto migliora il sonno. Il risultato dello studio, secondo gli autori, non deve essere sottovalutato, perché il sonno dipende proprio in gran parte da uno stato di rilassamento fisico e mentale.

Benefici anche di giorno

I benefici della presenza di un pet nel letto continuano di giorno: diversi studi hanno dimostrato, infatti, che il contatto con un animale, oltre a compensare eventuali carenze di affetto e attenzione, facilita le relazioni interpersonali grazie a una speciale empatia che si crea con l’uomo.

Più affetto, sicurezza e compagnia

La compagnia di un cane, un gatto o un coniglio risveglia l’interesse di chi ne viene a contatto, catalizza la sua attenzione, stimola energie positive distogliendo o rendendo più accettabili i problemi di tutti i giorni. Il contatto con un animale soddisfa una serie di bisogni umani (affetto, sicurezza, compagnia) che servono a mantenere un buon equilibrio psicofisico e può servire da “allenamento” per mantenere attivi quelle abilità sociali (incontri, uscite, passeggiate) fondamentali per il benessere dell’individuo in ogni fase della vita.  Ora questo studio aggiunge che dormire con il proprio cane o gatto migliora il sonno.

 

In breve

PIU’ REGOLARI PRESSIONE E CUORE

Accarezzare un animale ha un effetto calmante, contribuendo a ridurre la pressione arteriosa e regolare la frequenza cardiaca. Avere in casa un animaletto, coccolarlo, prendersi cura e giocare con lui è, quindi, un modo per mantenere un buono stato di salute, a tutte le età.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti