Stress e cattivo umore? Forse è colpa della fame

Miriam Cesta
A cura di Miriam Cesta
Pubblicato il 13/03/2019 Aggiornato il 13/03/2019

I cali di glucosio, tipici di quando si ha fame, sono connessi all'aumento di stress e cattivo umore. Ecco perché

Stress e cattivo umore? Forse è colpa della fame

Per alcune persone non è una novità, perché sono già consapevoli che – almeno nel loro caso – la fame aumenta stress e cattivo umore. Ora però uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Guelph, in Canada, ha dimostrato che il calo di glucosio che si sperimenta quando si fame può effettivamente incidere sull’umore, aumentando negatività e rabbia.

Calano gli zuccheri, sale lo stress

“Prima ero scettico quando le persone mi dicevano che, se avevano fame, diventavano scontrose. Ora ci credo. L’ipoglicemia è un forte fattore di stress fisiologico e psicologico”, spiega Francesco Leri del Dipartimento di Psicologia dell’università canadese, uno degli autori dello studio.

Glucosio e cortisolo

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Psychopharmacology, è stato condotto in laboratorio su gruppi di topi e ha messo in evidenza come alla diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue (ipoglicemia) l’organismo degli animaletti rispondeva aumentando le quantità di cortisolo, sostanza nota anche come “ormone dello stress”, e dal punto di vista comportamentale si accentuavano i comportamenti tipici di stress e cattivo umore. “Quando le persone pensano agli stati d’animo negativi e allo stress, pensano a cause psicologiche, non metaboliche – spiega Thomas Horman, che ha guidato la ricerca -. Abbiamo scoperto invece che anche uno scarso apporto alimentare può influire”.

Circolo vizioso

Fame e cattivo umore potrebbero dar vita a un circolo vizioso in quanto, spiegano gli autori dello studio, “se una persona non  mangia correttamente può incorrere in un calo dell’umore che può a sua volta ridurre l’appetito, innescando un circolo vizioso”. Un meccanismo che, alla lunga, potrebbe influenzare lo stato d’animo in modo costante, costituendo un fattore di rischio per lo sviluppo di comportamenti simili alla depressione.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo gli studiosi nuovi studi in questo ambito potrebbero aprire scenari inesplorati nella connessione tra la depressione e disturbi del comportamento alimentare come bulimia, anoressia e obesità.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Bimbo ostile allo svezzamento

Quando un bambino rifiuta con ostinazione le prime pappe e qualsiasi altro alimento diverso dal latte, occorre giocare d'astuzia (armandosi di infinta pazienza).   »

Bimba che di notte si sveglia spesso

I disturbi del sonno possono essere ben controllati con la pratica del co-sleepeeng, che consiste nel far dormire il bambino "accanto ai genitori", ma non nello stesso letto.   »

In che settimana di gravidanza si vede l’embrione con l’ecografia?

In genere l'ecografia permette di vedere il bambino (e il suo cuoricino che batte) a partire dalla sesta settimana di gravidanza.   »

Si ammala spesso: è normale che accada?

Febbre, tosse, raffreddore frequenti sono lo scotto che i bambini pagano alla socializzazione. Non sono preoccupanti: alla fine, nonostante questo, crescono tutti forti e sani. L'unica condizione che deve preoccupare davvero perché espone a pericoli è l'obesità: il resto passa senza conseguenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti