Stress e cattivo umore? Forse è colpa della fame

Miriam Cesta A cura di Miriam Cesta Pubblicato il 13/03/2019 Aggiornato il 13/03/2019

I cali di glucosio, tipici di quando si ha fame, sono connessi all'aumento di stress e cattivo umore. Ecco perché

Stress e cattivo umore? Forse è colpa della fame

Per alcune persone non è una novità, perché sono già consapevoli che – almeno nel loro caso – la fame aumenta stress e cattivo umore. Ora però uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Guelph, in Canada, ha dimostrato che il calo di glucosio che si sperimenta quando si fame può effettivamente incidere sull’umore, aumentando negatività e rabbia.

Calano gli zuccheri, sale lo stress

“Prima ero scettico quando le persone mi dicevano che, se avevano fame, diventavano scontrose. Ora ci credo. L’ipoglicemia è un forte fattore di stress fisiologico e psicologico”, spiega Francesco Leri del Dipartimento di Psicologia dell’università canadese, uno degli autori dello studio.

Glucosio e cortisolo

Lo studio, pubblicato sulla rivista scientifica Psychopharmacology, è stato condotto in laboratorio su gruppi di topi e ha messo in evidenza come alla diminuzione dei livelli di glucosio nel sangue (ipoglicemia) l’organismo degli animaletti rispondeva aumentando le quantità di cortisolo, sostanza nota anche come “ormone dello stress”, e dal punto di vista comportamentale si accentuavano i comportamenti tipici di stress e cattivo umore. “Quando le persone pensano agli stati d’animo negativi e allo stress, pensano a cause psicologiche, non metaboliche – spiega Thomas Horman, che ha guidato la ricerca -. Abbiamo scoperto invece che anche uno scarso apporto alimentare può influire”.

Circolo vizioso

Fame e cattivo umore potrebbero dar vita a un circolo vizioso in quanto, spiegano gli autori dello studio, “se una persona non  mangia correttamente può incorrere in un calo dell’umore che può a sua volta ridurre l’appetito, innescando un circolo vizioso”. Un meccanismo che, alla lunga, potrebbe influenzare lo stato d’animo in modo costante, costituendo un fattore di rischio per lo sviluppo di comportamenti simili alla depressione.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Secondo gli studiosi nuovi studi in questo ambito potrebbero aprire scenari inesplorati nella connessione tra la depressione e disturbi del comportamento alimentare come bulimia, anoressia e obesità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

SOS crisi di pianto inconsolabile

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta appurato che il lattante piange per via delle "coliche dei tre mesi", non resta che attendere pazientemente che le crisi a poco a poco diminuiscano fino a sparire. Nella ceretzza che le sue urla disperate sono espressione di forza e di salute.   »

Peso: quale aumento a quattro mesi di vita?

19/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

L'aumento di peso ha un andamento influenzato da alcune variabili, tuttavia intorno al quinto mese di vita dovrebbe essere doppio rispetto a quello presentato alla nascita.   »

Fai la tua domanda agli specialisti