Stress fa ammalare perché influenza il sistema immunitario

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 27/03/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Scoperto il funzionamento del recettore dello stress e come controllarlo per evitare conseguenze sulla salute

Stress fa ammalare perché influenza il sistema immunitario

Lo stress fa ammalare perché può interagire con le cellule del sistema immunitario: è quanto suggerisce uno studio pubblicato sulla rivista  medica Journal of Leukocyte Biology da un team di ricercatori della Michigan State University.

Il ruolo della corticotropina

Secondo i ricercatori Americana un recettore dello stress, noto come fattore di rilascio della corticotropina (Crf1), potrebbe influire negativamente nel modo in cui i mastociti (cellule immunitarie) difendono il corpo dalle malattie. Quando ciò accade, Crf1 induce queste cellule a rilasciare sostanze chimiche che possono provocare malattie infiammatorie e allergiche, come la sindrome dell’intestino irritabile, l’asma, le allergie alimentari e le malattie autoimmuni come il lupus.

Meno stress per vivere sani

Per confermare l’ipotesi che lo stress fa ammalare, i ricercatori hanno effettuato alcuni testi sui topi, sottoponendoli a due diverse condizioni di stress: uno di tipo psicologico e uno allergico. I topi erano suddivisi in due gruppi: uno “normale” e uno privato del recettore Crf1 dai mastociti. Ebbene, è risultato che gli animali esposti allo stress allergico che non possedevano il recettore si ammalavano il 54% in meno rispetto agli altri, mentre quelli sottoposti allo stress psicologico privi di Crf1 si ammalavano del 63% in meno rispetto ai roditori normali. Da qui la conclusione che lo stress fa ammalare.

 

 

 

Da sapere!

Capire come lo stress fa ammalare può aiutare a fornire nuove terapie per migliorare la qualità della vita delle persone affette da malattie stress correlate.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti