Stress da lavoro: ne soffre un italiano su cinque

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 22/11/2017 Aggiornato il 22/11/2017

A risentire maggiormente dello stress da lavoro sono le donne. Ecco con quali conseguenze

Stress da lavoro: ne soffre un italiano su cinque

Un lavoratore su cinque soffre di stress da lavoro. Secondo i dati della Società italiana di psichiatria, infatti, sono ben 6 milioni gli italiani a convivere con situazioni di stress da lavoro. Anche se di poco, a patire maggiormente condizioni di disagio legate al proprio incarico sono le donne.

Sempre sotto pressione

Parliamo di ben 3,2 milioni di donne che vedono la propria vita scandita da ritmi e situazioni ad alto livello di pressione e tensione. Di queste, circa un milione, mostra in modo rilevante disturbi di ansia, insonnia e depressione. Le cause sono sovente riconducibili a una vita lavorativa non ottimale, con i livelli di stress che crescono al crescere di pressioni e condizioni ambientali non idilliache. Inoltre, a influire negativamente sull’equilibrio delle donne concorre, spesso, tutta una serie di pregiudizi culturali, tra cui si annovera anche il non vedere riconosciuta con una remunerazione adeguata la propria professionalità.

Colpiti anche i più giovani

Quando, però il problema stress da lavoro conduce ad altre patologie, entrano spesso in gioco gravi complicazioni nella salute mentale e fisica delle persone. Le malattie mentali sono, infatti, tra le prime cinque cause di morte al mondo. In Italia ne soffre – almeno una volta nella vita – circa la metà della popolazione, con percentuali del 75% tra i giovani sotto i 24 anni. Una statistica preoccupante che deve far riflettere anche in tema di economia e inserimento nel mondo del lavoro. I risvolti di queste problematiche incidono, difatti, sul 3-4% del Pil e l’impatto potrebbe essere ancora più importante se a curarsi non fosse – purtroppo – solo un terzo delle persone affette da disturbi mentali.

Un pericoloso circolo vizioso

Permettere a queste persone di accedere al mondo del lavoro è fondamentale. Il lavoro deve permettere a una persona di esprimersi al meglio, gratificandola e facendola sentire parte di un progetto. Quando ciò non accade, si va verso a condizioni di stress e di instabilità psico-fisica. Chi soffre di problemi mentali – stress o altre patologie più significative – si assenta maggiormente dal lavoro, è più soggetto a infortuni e malattie e vede calare facilmente la propria concentrazione, a discapito di qualità e produttività. Fare qualcosa è d’obbligo e, spesso, può essere sufficiente anche un piccolo gesto tra colleghi per migliorare significativamente la qualità della vita lavorativa di una persona. Perché il lavoro è importante, ma spesso ci si dimentica delle persone e dell’importanza di conciliare al meglio lavoro e vita privata.

 

 

Lo sapevi che?

Da oltre 20 anni, presso l’ospedale Fatebenefratelli di Milano è attivo il progetto Ala (Agenzia lavoro e apprendimento) che fornisce un supporto alle persone con problemi mentali.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Esposizione alla diossina: quali rischi per il feto?
16/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Durante la gravidanza, l'esposizione alla diossina non è particolarmente rischiosa per il bambino.  »

Bimba che sta attraversando i “terribili due anni”
03/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

A due anni il bambino può diventare terribile. E' una fase della crescita sana e naturale che si può affrontare senza soccombere. Basta sapere come è meglio fare.   »

Vaccinazione DTP: è da fare in gravidanza?
02/09/2019 Gli Specialisti Rispondono

Oggi viene considerato opportuno sottoporre le donne incinte al richiamo vaccinale contro difterite, tetano e pertosse affinché il nascituro possa contare su anticorpi sufficienti a proteggerlo, nei primi mesi di vita, dalle tre malattie.   »

Fai la tua domanda agli specialisti