Stress da rientro per un italiano su 3

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/09/2018 Aggiornato il 03/09/2018

Dopo la spensieratezza e il relax delle vacanze estive, il ritorno al lavoro e ai soliti impegni quotidiani rappresenta un banco di prova per molte persone. Ecco come non vanificare in un soffio tutti i benefici delle vacanze

Stress da rientro per un italiano su 3

Secondo un’indagine condotta da In a Bottle ben 1 italiano su 3 sviluppa una vera e propria sindrome da stress da rientro, tanto da sentirsi più stressato a settembre di quanto non era a giugno, prima di andare in vacanza! Eppure, riuscire ad affrontare la ripresa senza perdere tutti i benefici delle ferie non è impossibile.

Vacanze troppo brevi

La ricerca che ha confermato che lo stress da rientro è una condizione molto diffusa nel nostro Paese. Secondo i dati raccolti, il malessere di settembre ha due cause principali. Innanzitutto, la brevità delle vacanze: per il 24% dei nostri connazionali, infatti, lo stacco dalla città è stato troppo fugace ed è letteralmente volato in un lampo, impedendo di rilassarsi completamente dopo un anno intenso. In secondo luogo, non si stacca abbastanza. Infatti, ben due italiani su 10 (21%), ancor prima di andare in ferie, già pensano alla ripresa lavorativa. Per questo, durante le vacanze non sono riusciti a rilassarsi del tutto (42%) e negli ultimi giorni hanno provato insoddisfazione (25%) e preoccupazione (23%) all’idea di rientrare alla routine.

Insoddisfazione della propria vita

“Lo stress è dovuto a frustrazione e non al mancato riposo. Le persone avvertono stress perché non riescono ad appagare i propri bisogni. Le vacanze possono sicuramente essere piacevoli, ma se si torna poi alla vita di tutti i giorni, e questa è insoddisfacente, il rischio è quello effettivamente di essere più stressati di prima” ha spiegato Giandomenico Bagatin, psicologo

Consigli anti-stress

Eppure, evitare lo stress da rientro non è impossibile. Ecco quattro consigli utili allo scopo.

  1. Innanzitutto, è bene fare una lista delle priorità. Non è vero che tutti gli impegni e tutti i progetti hanno la stessa urgenza. Individuare, dunque, quelli che vanno affrontati subito.
  2. Chiedersi che cosa si desidera davvero e fare il possibile per raggiungere le mete che rendono felici. Le priorità non devono riguardare solo gli obblighi lavorativi e famigliari, ma anche i propri bisogni personali.
  3. Imparare a gestire al meglio il proprio tempo, per evitare di perdere troppe ore preziose. Organizzare nel dettaglio la propria agenza, in modo tale da lasciare anche degli spazi da dedicare solo a se stessi.
  4. In vacanza, spesso, si segue una dieta sregolata. Al rientro, dunque, è importante rivedere la propria alimentazione, a cominciare dalla colazione, che deve essere abbondante() ed equilibrata.
  5. Bere acque ricche di minerali per recuperare i sali persi durante l’estate e le giornate ancora calde di settembre.

 

 

In breve

I SINTOMI PRINCIPALI

Lo stress da rientro si manifesta tipicamente con stanchezza, apatia, svogliatezza e scarsa concentrazione. Molto diffusa è anche l’insoddisfazione verso il posto di lavoro, i colleghi, la vita da pendolare, gli obblighi famigliari

.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti