Turni di notte: donne più a rischio di depressione

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 19/06/2019 Aggiornato il 19/06/2019

Più elevati stress e rischio di ammalarsi o di cadere in depressione per le donne che fanno i turni notte. Ecco perché

Turni di notte: donne più a rischio di depressione

I mestieri che prevedono turni di notte, per esempio negli ospedali, in polizia, nella sicurezza, non sono privi di effetti collaterali per i lavoratori. Un numero insufficiente di ore di riposo, l’inversione del ciclo sonno-veglia e il fatto che si tratti quasi sempre di mansioni di notevole responsabilità genera un alto tasso di stress. Particolarmente per quanto riguarda le donne.

Il rischio di turni troppo prolungati

Secondo uno studio condotto su oltre 23 mila lavoratori del Regno Unito (11.215 maschi e 12.188 femmine) pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, le lavoratrici che fanno turni di notte e spesso non rispettano neppure le pause festive, sono esposte a un aumentato rischio di depressione() del 2 per cento. La probabilità di avere episodi di depressione si associa a ogni tipo di lavoro che preveda turni, ma è soprattutto il genere femminile ad andare incontro a un rischio maggiore. In particolare quando lavorano 55 ore settimanali o più invece delle classiche 35-40 previste oppure se saltano i riposi infrasettimanali e lavorano anche durante il weekend.

Molte donne hanno un doppio lavoro

In base ai dati, le persone che lavorano nei fine settimana tendono a lavorare in posti di lavoro che offrono salari più bassi. Questi lavori, se combinati con frequenti o complesse interazioni con il pubblico o con i clienti, sono stati collegati a livelli più alti di depressione. Precedenti studi hanno rilevato che una volta contabilizzate anche le ore dedicate alle faccende domestiche non retribuite e le cure, le donne lavorano in media molto più a lungo degli uomini e questo è stato collegato appunto a maggiori problemi di salute.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I sintomi della depressione possono includere tristezza persistente, sentimenti di disperazione e senso di colpa, perdita di interesse per gli hobby e problemi di sonno.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-Coronavirus: è davvero una fake-news che causi infertilità?

13/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Luca Cegolon, MD, MSc, DTM&H, PhD

Nel Web circolano bufale a volte così ben confenzionate da diventare credibili anche per persone competenti. Documentarsi sempre in modo meticoloso, prima di dare credito a ipotesi che mettono in discussione le scelte delle autorità sanitarie è quanto di meglio si possa fare per non cadere nelle tante...  »

Bimba di (quasi) tre anni che ripete frasi e parole

11/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

L'ecolalia potrebbe costituire un segnale d'allarme qualora si associasse ad altri comportamenti anomali. Altrimenti è solo una delle modalità per apprendere e consolidare il linguaggio.   »

Sentimenti contrapposti verso il nuovo papà

03/01/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Quando entra una nuova figura maschile nella vita di un bambino piccolo, può accadere che si instauri una relazione in cui non tutto fila sempre liscio. Ma del resto può succedere anche con il papà biologico.   »

Fai la tua domanda agli specialisti