Turni di notte: donne più a rischio di depressione

Metella Ronconi
A cura di Metella Ronconi
Pubblicato il 19/06/2019 Aggiornato il 19/06/2019

Più elevati stress e rischio di ammalarsi o di cadere in depressione per le donne che fanno i turni notte. Ecco perché

Turni di notte: donne più a rischio di depressione

I mestieri che prevedono turni di notte, per esempio negli ospedali, in polizia, nella sicurezza, non sono privi di effetti collaterali per i lavoratori. Un numero insufficiente di ore di riposo, l’inversione del ciclo sonno-veglia e il fatto che si tratti quasi sempre di mansioni di notevole responsabilità genera un alto tasso di stress. Particolarmente per quanto riguarda le donne.

Il rischio di turni troppo prolungati

Secondo uno studio condotto su oltre 23 mila lavoratori del Regno Unito (11.215 maschi e 12.188 femmine) pubblicato sul Journal of Epidemiology and Community Health, le lavoratrici che fanno turni di notte e spesso non rispettano neppure le pause festive, sono esposte a un aumentato rischio di depressione() del 2 per cento. La probabilità di avere episodi di depressione si associa a ogni tipo di lavoro che preveda turni, ma è soprattutto il genere femminile ad andare incontro a un rischio maggiore. In particolare quando lavorano 55 ore settimanali o più invece delle classiche 35-40 previste oppure se saltano i riposi infrasettimanali e lavorano anche durante il weekend.

Molte donne hanno un doppio lavoro

In base ai dati, le persone che lavorano nei fine settimana tendono a lavorare in posti di lavoro che offrono salari più bassi. Questi lavori, se combinati con frequenti o complesse interazioni con il pubblico o con i clienti, sono stati collegati a livelli più alti di depressione. Precedenti studi hanno rilevato che una volta contabilizzate anche le ore dedicate alle faccende domestiche non retribuite e le cure, le donne lavorano in media molto più a lungo degli uomini e questo è stato collegato appunto a maggiori problemi di salute.

 

 

Da sapere!

I sintomi della depressione possono includere tristezza persistente, sentimenti di disperazione e senso di colpa, perdita di interesse per gli hobby e problemi di sonno.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Lavaggi nasali: servono davvero?
23/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I lavaggi nasali rivestono grande utilità non già per uccidere il virus del raffreddore, ma per facilitare la pulizia del naso e favorire la fluidificazione, quindi, l'eliminazione del muco.   »

Prevenire tosse e raffreddore si può?
21/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

Nei primi anni di vita le infezioni respiratorie, come tosse e raffreddore, sono lo scotto da pagare alla socializzazione.   »

Vaccino antivaricella: va fatto agli altri bimbi se c’è in casa un piccolissimo
14/10/2019 Gli Specialisti Rispondono

I bambini che frequentano l'asilo dovrebbero essere vaccinati (anche) contro la varicella, per scongiurare il rischio di ammalarsi e contagiare un fratellino nato da poco.   »

Fai la tua domanda agli specialisti