Vuoi leggere meglio? Bevi due caffè al giorno

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 29/11/2019 Aggiornato il 29/11/2019

La capacità di lettura sembra migliorare grazie al contenuto di caffeina. Ecco perché bere il caffè aiuta

Vuoi leggere meglio? Bevi due caffè al giorno

Con due caffè al giorno si legge meglio e più velocemente! È quanto sostiene un gruppo di ricercatori delle Università di Padova, Firenze e Bergamo. Ma le virtù del caffè non finiscono qui. Infatti, nell’articolo pubblicato sull’autorevole rivista “Journal of Psychopharmacology”, gli scienziati hanno riportato che una dose quotidiana di caffeina (circa 200 mg pari a due tazzine di caffè) migliora anche la percezione globale delle scene visive e le prestazioni nelle attività di ragionamento semantico.

La percezione globale

È l’emisfero destro che controlla la percezione globale che è connessa, a sua volta, alla capacità di lettura. Perciò chi da piccolo ha una buona percezione globale, quasi certamente svilupperà da grande leggerà meglio. Viceversa, chi ha difficoltà di lettura le può correggere con specifici training comportamentali rivolti a migliorare le abilità di percezione globale.

Due studi in doppio cieco

Per giungere a questi risultati, gli scienziati hanno eseguito due studi in doppio cieco su 78 individui, riuscendo a dimostrare che un consumo giornaliero di due tazzine di caffè velocizza la capacità di lettura. Le premesse, se confermate con successive ricerche, per le ottime implicazioni che potrebbero avere questi risultati, ci sono tutte: per esempio una migliore comprensione dei disturbi della lettura e di altri disturbi del neurosviluppo caratterizzati da un deficit di percezione globale.

 

 

Lo sapevi che?

La caffeina è una sostanza naturale che si trova nel caffè, , cacao, guaranà e mate, anche se spesso è chiamata con nomi diversi (teina, teobromina, guaranina e mateina).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti