Rischio botulino: attenzione alle conserve fatte in casa

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/08/2014 Aggiornato il 06/08/2014

Con le conserve casalinghe aumenta il rischio botulino. Per scongiurarlo, però, è sufficiente prendere le giuste precauzioni

Rischio botulino: attenzione alle conserve fatte in casa

Una marmellata o una salsa di pomodoro fatte in casa sono, senza dubbio, una scelta sana. Infatti, sono sempre più numerose le mamme che scelgono la via dell’’autoproduzione’. Ma, al contempo, questi innocui barattoli di genuinità possono trasformarsi in pericoli per la salute di grandi e piccini. Il rischio botulino, nelle preparazioni casalinghe, è infatti, sempre in agguato.

Rischio maggiore nelle ricette light

L’Istituto superiore di sanità, tramite il Centro nazionale di riferimento per il botulismo, ha stilato una serie di linee guida per la preparazione senza rischi di conserve & Co. Pare che il rischio botulino si nasconda con più frequenza laddove si sperimentano nuove ricette, magari all’insegna della cucina leggera e innovativa. Perché tutti gli ingredienti “tradizionali” nemici della linea come sale o zucchero, vengono notevolmente diminuiti o eliminati del tutto, dimenticandosi che sono proprio questi componenti a garantire la corretta conservazione della preparazione.

Accorgimenti e linee guida anti-botulino

Per azzerare il rischio botulino e godersi comunque un’ottima conserva casalinga, l’Istituto superiore di sanità sul suo sito di riferimento, dà una serie di basilari consigli, che però sono ben più di semplici suggerimenti. Le linee guida anti-botulino (e contro la formazione di qualsiasi pericoloso microrganismo) sono differenziate a seconda della tipologia di ricetta, dolce o salata che sia. Vediamone alcune:

– L’aceto di vino è un ottimo conservante e non pesa sulla linea, dunque va usato in abbondanza.

– Ottime le aggiunte di olio evo e zucchero semolato, anch’essi garanzia di conservazione perfetta.

– Lavare con bicarbonato gli alimenti per eliminare i pesticidi accumulati sulla buccia

– Riempire sempre i contenitori delle conserve fino all’orlo.

– Pastorizzare i barattoli immergendoli in acqua fredda fino a ebollizione.

– Quando i barattoli sono freddi e chiusi, fare la prova click-clack: premendo al centro del tappo non si deve udire alcun click.

In breve

UN AIUTO DALLE LINEE GUIDA

Le conserve casalinghe sono una scelta economica e sana, per tutta la famiglia. Ma, per scongiurare il rischio botulino, vanno seguite linee guida precise.  

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti