Acne e peluria? Può essere l’ovaio policistico

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/07/2017 Aggiornato il 21/07/2017

Acne, capelli spesso sporchi, aumento della peluria possono segnalare un problema ormonale, come l’ovaio policistico La cura? La pillola contraccettiva

Acne e peluria? Può essere l’ovaio policistico

L’ovaio policistico può provocare acne e peluria. Questo problema interessa circa il 10% delle donne in età fertile: quando l’ovaio non funziona correttamente e si presenta ingrossato, i follicoli maturano con difficoltà e si formano tante piccole cisti, il ciclo diventa irregolare e manca l’ovulazione. Aumenta anche la produzione di ormoni maschili (iperandrogenismo) ed è questo il motivo per cui l’ovaio policistico può provocare acne e peluria (ipertricosi e/o irsutismo). La pelle è più unta, i capelli grassi, pesanti: tutto ciò ha una causa ormonale.

Tanti problemi correlati

La micropolicistosi ovarica ha una base ereditaria: le parenti di primo grado di donne affette hanno una probabilità del 51% di sviluppare il disturbo. Il principale fattore predisponente è l’eccesso di insulina che, attraverso la mediazione dell’ipofisi, una ghiandola endocrina situata alla base del cranio, stimola l’ovaio a produrre ormoni maschili. Fattori ambientali contribuiscono alla manifestazione dei sintomi: stress(), malattie delle ghiandole surrenali, eccesso di prolattina o rarissime forme tumorali. Nelle donne in gravidanza, il rischio di aborto aumenta di 3-5 volte, soprattutto a causa dell’obesità associata, triplicato è il rischio di diabete gestazionale.

Fertilità a rischio

Una malattia molto complessa che coinvolge l’ipotalamo, l’ipofisi, le ovaie, il surrene e il tessuto adiposo periferico e non va confusa con l’ovaio multicistico, condizione che può essere presente nel 25-30% delle donne regolarmente mestruate e con ovulazione. Non solo l’ovaio policistico può provocare acne e peluria: le donne malate presentano irregolarità mestruale, ridotta fertilità, sovrappeso e rischio aumentato di disturbi metabolici come diabete mellito, insulino-resistenza, ipercolesterolemia, ipertensione, aterosclerosi.

Vita sana e prodotti mirati

L’unica cura possibile è la terapia contraccettiva, cui vanno affiancati uno stile di vita sano, una dieta equilibrata ricca di pesce, carne, uova, cereali, legumi, verdura e frutta e povera di dolci,  attività fisica (jogging, nuoto, bicicletta, ginnastica) per almeno 45 minuti al giorno e una detersione quotidiana della pelle con prodotti dermatologici specifici.
 

 

 

 
 
 

Da sapere!

Chi desidera una gravidanza deve perdere i chili di troppo, monitorare la glicemia, controllare alimentazione e aumento di peso e fare un’ora di movimento fisico quotidiano, che ottimizza anche l’utilizzo periferico dell’insulina.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti