Alimenti e Covid-19: c’è una correlazione?

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 13/08/2021 Aggiornato il 13/08/2021

Porta in tavola alimenti di origine vegetale e pesce per ridurre il rischio di sviluppare la forma grave di Covid-19. Ecco perché

Alimenti e Covid-19: c’è una correlazione?

Anche gli alimenti possono aiutare a combattere il covid-19. A sostenerlo è un gruppo di ricercatori americani di diversi enti (Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health; Welch Center of Prevention, Epidemiology and Clinica Research; Divisione di Medicina Cardiovascolare del Briham & Women’s Hospital di Boston; Dipartimento di Medicina dello Stamford Hospital) a seguito di un sondaggio online eseguito su più di duemila medici e infermieri con un’ampia esposizione al virus in Francia, Germania, Italia, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti e pubblicato sul British Medical Journal.

La ricerca sugli stili alimentari

Tutti i medici e infermieri intervistati erano iscritti a Survey Healthcare Globus, una rete globale di professionisti sanitari. L’indagine è consistita nell’acquisire informazioni puntuali:

·      sull’alimentazione seguita da ciascun partecipante, utilizzando un questionario sulla frequenza dei cibi consumati durante l’anno precedente;

·      sulla gravità dell’eventuale infezione da covid-19;

·      sulla storia personale, sull’anamnesi, sull’uso di farmaci e sullo stile di vita.

Per lo studio, inoltre, i ricercatori hanno valutato altri parametri potenzialmente influenti, come l’età, l’origine etnica, la specialità medica e lo stile di vita (fumo e/o esercizio fisico).

Covid-19: cibi sì e cibo no

Dall’analisi dei dati raccolti è emerso che chi aveva seguito:

1.     diete a base di verdure aveva avuto il 73% di minor probabilità di infezioni da covid-19 da moderata a grave rispetto a coloro che non avevano seguito queste diete alimentari;

2.     diete a base di pesce aveva avuto il 59% di minor probabilità di infezioni da covid-19 da moderata a grave rispetto a coloro che non avevano seguito queste diete alimentari;

3.     diete a basso contenuto di carboidrati e ricca di proteine aveva avuto, invece, una probabilità maggiore di quasi 4 volte di contrarre un’infezione da covid-19 da moderata a grave.

Probabile correlazione tra dieta e infezione

Secondo i ricercatori lo studio non permetterebbe di stabilire una causa, ma le seguenti correlazioni:

·      le diete a base di vegetali sono ricche di vitamine e minerali, nutrienti in grado di fornire una risposta immunitaria “efficiente”;

·      le diete a base di pesce sono ricche di vitamina D e acidi grassi, nutrienti noti per le loro potenti proprietà antinfiammatorie.

 

 

 
 
 

Da sapere!

I risultati di questa ricerca suggeriscono che un’alimentazione sana ed equilibrata, ricca di alimenti vegetali e ittici, può ridurre il rischio di sviluppare la forma grave di infezione Covid-19, provocata dal coronavirus SARS-CoV-2.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti