Allarme prediabete per 10 milioni di italiani

Laura Raimondi Pubblicato il Aggiornato il 05/12/2018

Il prediabete è una condizione che implica valori alterati di glicemia e una scarsa tolleranza al glucosio. La situazione in Italia è allarmante

Negli ultimi anni i casi di diabete sono raddoppiati: 4 milioni di italiani sono colpiti dalla malattia, un milione non saprebbe di avere valori alti di glicemia e ben 10 milioni di italiani hanno il prediabete, una condizione di ridotta tolleranza al glucosio che può portare entro 5 anni al diabete vero e proprio. Ecco perché nel nostro Paese è scattato l’ allarme prediabete.

Importanti i controlli

Le conseguenze del diabete non curato possono essere molto gravi: cecità, amputazioni, aumento del rischio di infarto e ictus, complicanze renali. L’Associazione medici diabetologi (Amd) ha analizzato i dati di quasi 48mila pazienti di 17 centri sparsi in tutta Italia, con l’obiettivo di monitorare la qualità delle cure negli ultimi quattro anni. L’introduzione di nuove classi di farmaci ha migliorato la corretta gestione del diabete, afferma Valeria Manicardi, coordinatrice del Gruppo Annali Amd, “Il monitoraggio di elementi decisivi per il rischio cardiovascolare come lipidi, pressione e microalbuminuria viene eseguito almeno una volta all’anno da oltre l’80 per cento dei pazienti, mentre nel 2012 erano circa il 60 per cento; c’è finalmente una maggiore attenzione alla gestione del rischio cardiovascolare complessivo, che è tuttora il pericolo più tangibile per i diabetici”. Tuttavia l’ allarme prediabete resta alto.

Sovrappeso e obesità aumentano i problemi

A provocare l’ allarme prediabete sono sovrappeso e obesità, in costante aumento tra la popolazione. Secondo gli ultimi dati, infatti, la percentuale si aggira oggi intorno al 42% dei malati di diabete, ed è in aumento. Inoltre, il 17% dei diabetici fuma, aumentando i rischi cardiovascolari.

Carenze strutturali

È poi innegabile la difficoltà del Servizio sanitario nazionale di monitorare al meglio la malattia: solo i centri specializzati riescono a fatica. Conferma Francesco Purrello, presidente della Società italiana di diabetologia (Sid): “In generale il sistema è ancora poco informatizzato e questo riduce la possibilità di una gestione integrata dei pazienti da parte del medico di medicina generale, in collaborazione coi centri diabetologici”.

Attese troppo lunghe e terapie inappropriate

Altra problematica che limita l’efficienza dei controlli per il diabete è l’esistenza di norme che impediscono al medico di famiglia di prescrivere nuove terapie sulla ricetta rossa, rendendo necessaria la visita specialistica presso il centro diabetologico. Tuttavia, come spiega Fiorenzo Corti, vicesegretario nazionale della Federazione italiana medici di medicina generale (Fimmg), “le attese sono lunghe e non ci resta che trattare il paziente con i medicinali che possiamo prescrivere, alcuni collocati dalle attuali Linee guida in terza/quarta scelta”. In Europa, solo in Italia e nella Repubblica Ceca i medici di base non possono prescrivere ai propri pazienti le terapie disponibili per curare il diabete. Di riflesso, questo si traduce in attese per una visita specialistica molto lunghe. Ben il 43% dei medici segnala una tempistica da uno a tre mesi e il 36% un’attesa oltre tre mesi.

 

 

 
 
 

Da sapere!

Il prediabete, se non curato, può portare allo sviluppo del diabete ed essere aggravato da altri fattori di rischio, come fumo e sovrappeso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Cosa mangiare in allattamento?

In allattamento si può continuare a mangiare tutto quello che si assumeva in gravidanza, compresi cipolle, cavoli, e spezie piccanti. L'unica restrizione riguarda l'alcol, come nei mesi dell'attesa: non bisogna assumerlo neanche occasionalmente.   »

Bimbo che non vuole stare a pancia in su e rischio di SIDS

Almeno fino ai sei mesi di vita è importante cercare di indurre il bambino a mantenere la posizione supina durante il sonno. E se si gira sempre? Si può provare un trucco ...  »

Gemellina e addio al pannolino

Può accadere che un bambino non faccia volentieri la pipì nel water perché non si sente sicuro per le più svarite ragioni (che i genitori possono facilmente scoprire).  »

Fai la tua domanda agli specialisti