Anoressia e bulimia: sempre più anche tra le over 40

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/03/2017 Aggiornato il 09/03/2017

Non più solo disturbi che colpiscono le giovanissime, anoressia e bulimia sono drammaticamente frequenti anche in donne adulte. Come intervenire

Anoressia e bulimia: sempre più anche tra le over 40

Anoressia e bulimia destano preoccupazione anche nelle over 40. Uno studio dell’University College di Londra e della Icahn school of medicine di New York su donne tra i 40 e i 50 anni ha evidenziato come eventi stressanti possano innescare disturbi del comportamento alimentare in chi è predisposto a questo tipo di malattie. Lutti, problemi di lavoro, difficoltà affettive, separazioni o divorzi possono, dunque, essere la causa scatenante di anoressia e bulimia tra le donne adulte.

Radici nei traumi infantili

Lo studio effettuato su 5.300 donne è stato pubblicato sulla rivista scientifica Bcm Medicine. Il 15% (una su sei) delle donne che hanno preso parte alla ricerca ha avuto problemi di anoressia e bulimia nel corso della vita e il 3,6% nell’ultimo anno. È emerso, inoltre, che le donne over 40 anni sono più a rischio bulimia se durante l’infanzia hanno avuto problemi di relazione con la propria madre. Anche la morte di un genitore da bambine aumenterebbe di 7 volte il rischio di incorrere in futuro in anoressia e bulimia. Al contrario, un’infanzia serena evidenzia una riduzione del 20% del rischio di sviluppare bulimia.

Prima o poi la sofferenza esplode

“I disturbi alimentari possono essere scatenati da una serie di eventi traumatici e il divorzio è certamente un evento stressante. Spesso le soffrono in silenzio perché non sanno che altre persone sono nella stessa condizione. “Molte delle donne che hanno preso parte a questo studio, infatti, ha rivelato che questa era la prima volta che parlava di queste difficoltà”, ha spiegato Nadia Micali, uno degli autori dello studio.

 

 

 

 

 

lo sapevi che?

Secondo i dati dell’Associazione bulimia e anoressia, il 5% delle donne tra i 13 e i 35 anni soffre di un disturbo alimentare, ma i numeri sono in crescita anche tra le quarantenni e tra gli uomini. In media ogni due ore un italiano si ammala di un disturbo alimentare.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacchi della placenta: che fare?

25/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non è necessario osservare il riposo assoluto, in caso di distacco placentare, mentre è consigliabile uno stile di vita senza eccessi.   »

Le flash card di anatomia sono adatte a tre anni di età?

19/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Una bimba di tre anni il corpo umano dovrebbe cominciare a conoscerlo partendo dalle varie parti del suo: manine, piedini, nasino, bocca, orecchie e così via.   »

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Fai la tua domanda agli specialisti