Anoressia e bulimia: sempre più anche tra le over 40

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/03/2017 Aggiornato il 09/03/2017

Non più solo disturbi che colpiscono le giovanissime, anoressia e bulimia sono drammaticamente frequenti anche in donne adulte. Come intervenire

Anoressia e bulimia: sempre più anche tra le over 40

Anoressia e bulimia destano preoccupazione anche nelle over 40. Uno studio dell’University College di Londra e della Icahn school of medicine di New York su donne tra i 40 e i 50 anni ha evidenziato come eventi stressanti possano innescare disturbi del comportamento alimentare in chi è predisposto a questo tipo di malattie. Lutti, problemi di lavoro, difficoltà affettive, separazioni o divorzi possono, dunque, essere la causa scatenante di anoressia e bulimia tra le donne adulte.

Radici nei traumi infantili

Lo studio effettuato su 5.300 donne è stato pubblicato sulla rivista scientifica Bcm Medicine. Il 15% (una su sei) delle donne che hanno preso parte alla ricerca ha avuto problemi di anoressia e bulimia nel corso della vita e il 3,6% nell’ultimo anno. È emerso, inoltre, che le donne over 40 anni sono più a rischio bulimia se durante l’infanzia hanno avuto problemi di relazione con la propria madre. Anche la morte di un genitore da bambine aumenterebbe di 7 volte il rischio di incorrere in futuro in anoressia e bulimia. Al contrario, un’infanzia serena evidenzia una riduzione del 20% del rischio di sviluppare bulimia.

Prima o poi la sofferenza esplode

“I disturbi alimentari possono essere scatenati da una serie di eventi traumatici e il divorzio è certamente un evento stressante. Spesso le soffrono in silenzio perché non sanno che altre persone sono nella stessa condizione. “Molte delle donne che hanno preso parte a questo studio, infatti, ha rivelato che questa era la prima volta che parlava di queste difficoltà”, ha spiegato Nadia Micali, uno degli autori dello studio.

 

 

 

 

 

 
 
 

lo sapevi che?

Secondo i dati dell’Associazione bulimia e anoressia, il 5% delle donne tra i 13 e i 35 anni soffre di un disturbo alimentare, ma i numeri sono in crescita anche tra le quarantenni e tra gli uomini. In media ogni due ore un italiano si ammala di un disturbo alimentare.

 

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti