Anoressia o obesità: più rischi se manca l’ormone del buonumore

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/12/2017 Aggiornato il 21/12/2017

Una carenza di allopregnanolone, il cosiddetto ormone del buonumore, può causare ansia e depressione ed essere legato alla comparsa di disturbi del comportamento alimentare come anoressia o obesità. Ecco perché

Anoressia o obesità: più rischi se manca l’ormone del buonumore

Anoressia o obesità, depressione e ansia, tutti disturbi che sembrano far capo alla carenza dell’ormone del buonumore. È quanto sostenuto in uno studio condotto da Graziano Pinna dell’università dell’Illinois e pubblicato sulla rivista scientifica Neuropsychopharmacology.

In tilt il sistema ormonale

Esisterebbe, dunque, una correlazione tra i disturbi alimentari (anoressia o obesità e bulimia) e l’aumento dei disturbi legati all’ansia. Pare, infatti,  che anoressia o obesità siano legate a una carenza dell’ormone del benessere: l’allopregnanolone. Peso eccessivo o, al contrario, eccessivo dimagrimento mandano letteralmente in tilt il sistema endocrino che trasforma il progesterone, ormone femminile, in allopregnanolone, che conferisce la sensazione di benessere.

Questionario e analisi del sangue

Nella ricerca sono state coinvolte 12 donne con anoressia nervosa, 12 normopeso e altrettante obese, tutte prive di una diagnosi di  depressione e quindi nessuna in cura con farmaci antidepressivi. Al campione è stato somministrato un questionario per valutare la presenza o meno di ansia o depressione ed è stato fatto un prelievo di sangue. I risultati delle analisi hanno rilevato che i livelli di allopregnanolone nel sangue erano dimezzati nelle donne anoressiche rispetto a quelli delle donne normopeso. Nelle donne obese, poi, i livelli sono risultati ancora più bassi (60% in meno rispetto alle donne con peso nella norma). In tutte le donne esaminate era invece normale la concentrazione di progesterone, a dimostrazione che la trasformazione dell’ormone in allopregnanolone  è alterata nelle donne che soffrono di anoressia o obesità: più questo era basso, più le donne troppo grasse o troppo magre presentavano disturbi di ansia o depressione.

 
 
 

Da sapere!

Oltre metà delle donne con anoressia nervosa soffre di disturbi dell’umore e il 43% degli obesi ha problemi di depressione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Perdite di sangue nel primo trimestre: cosa può essere?

27/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una volta escluso, grazie all'ecografia, che il sanguinamento sia dovuto a un distacco o ad altre complicazioni, occorre capire se la causa potrebbe essere un'infezione.   »

Gravidanza: quando conviene annunciarla a parenti e amici?

26/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non c'è una regola che stabilisce quando è opportuno comunicare a tutti che si è in attesa di un bambino. Il momento in cui farlo dipende da una scelta personalissima che ogni coppia deve fare in base al proprio sentire.  »

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Fai la tua domanda agli specialisti