Antibiotici in viaggio: si prendono più facilmente e in modo sbagliato

Lorenzo Marsili Pubblicato il Aggiornato il 10/08/2018

Per non perdere nemmeno un istante di vacanza si finisce spesso per ricorrere con maggiore facilità agli antibiotici in viaggio

A contatto con nuovi ambienti e costretti a un’alimentazione diversa dal solito si tende a essere maggiormente predisposti a disturbi gastrointestinali. Avendo magari pochi giorni a disposizione e non volendo rovinarsi le vacanze, si ricorre spesso agli antibiotici in viaggio. Il problema è che sovente li si assume in modo sbagliato.

In valigia per scorta

Portare con sé medicinali e antibiotici in viaggio è normale, soprattutto se si decide di trascorrere le vacanze all’estero. Il rischio, però, quando si viaggia è quello di assumere farmaci con maggiore facilità e in modo scorretto. A rivelare questa  diffusa abitudine è una ricerca finlandese che ha preso in esame 316 viaggiatori che hanno avuto problemi di salute durante le vacanze ai tropici.

Contro la diarrea

Condotto dall’Università di Helsinki di concerto con l’Aava Travel Clinic e l’ospedale universitario della capitale nordica, lo studio ha posto in evidenza come diventi semplice prendere antibiotici in viaggio. Dei 316 soggetti analizzati, 53 avevano portato da casa gli antibiotici, utilizzati principalmente per guarire la tipica diarrea del viaggiatore che colpisce spesso chi visita i tropici. Il problema è che la diarrea del viaggiatore non presenta caratteristiche così invalidanti da richiedere un antibiotico.

Spesso presi a sproposito

Gli antibiotici sono, infatti, indicati per casi più gravi. Come sottolineato da una delle firme dello studio, Anu Kantele, occorre prendere antibiotici quando alla diarrea si associa febbre alta o quando sussiste un’infezione sottostante che rischia di peggiorare. Nei casi di diarrea lieve sono sufficienti farmaci meno invasivi. Ma i viaggiatori finiscono per prendere gli antibiotici proprio perché, lontani da casa, preferiscono – sbagliando – assumere qualcosa di forte per contrastare un ordinario disturbo e non vedere rovinata la propria vacanza.

 

 

 

 
 
 

Da sapere!

In fatto di consumo di antibiotici l’Italia è pecora nera d’Europa, con percentuali superiori alla media europea.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti