Antibiotici: la metà è presa per niente

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/05/2017 Aggiornato il 09/05/2017

L’utilizzo indiscriminato degli antibiotici ha favorito la proliferazione di super batteri, difficili da combattere. Ecco perché è importante non abusarne

Antibiotici: la metà è presa per niente

Il nostro Paese è tra i primi in Europa per quanto riguarda l’utilizzo di antibiotici, superato solo da Belgio, Francia, Cipro, Romania e Grecia. L’80% degli antibiotici è impiegato nell’ambito della medicina generale, privilegiando le fasce di età “a rischio”, dalla nascita ai 5 anni e dopo i 65 anni. Purtroppo, nel 50% dei casi gli antibiotici sono assunti in modo scorretto. Questo abuso ha portato allo sviluppo dei cosiddetti “super batteri”, ovvero microorganismi resistenti agli antibiotici.

Allarme super-batteri

Il principale problema legato ai super batteri è la diffusione di una vera e propria endemia. Per questo motivo, i principali organi deputati alla sanità pubblica si sono attivati a livello ospedaliero e residenziale. Entro la fine della primavera, infatti, sarà stilato un piano di controllo sulla gestione degli antibiotici. A questo proposito, durante il 6° congresso Amit (Argomenti di Malattie Infettive e Tropicali), oltre trecento specialisti da tutta Italia e dall’estero hanno assistito alle relazioni di personalità di spicco nel panorama scientifico internazionale. Durante il congresso sono stati presentati i provvedimenti riguardo l’utilizzo degli antibiotici, che saranno inviati per discussione e approvazione alla conferenza Stato-Regioni. Una volta dato il benestare, la proposta di legge arriverà al Ministero della Salute, per trasformarsi in decreto legge.

Regola numero uno: lavarsi le mani

Durante il congresso è emersa l’importanza di una semplice ma fondamentale precauzione per limitare i contagi e la proliferazione di batteri: lavarsi le mani. Sempre per limitare l’assunzione anche indiretta di antibiotici, particolare attenzione dovrebbe essere impiegata negli allevamenti avicoli, che purtroppo fanno un impiego massiccio di antibiotici, sviluppando così multiresistenze e infezioni che possono nuocere all’uomo. Inoltre, come sottolinea Marco Tinelli, direttore dell’Unità operativa complessa di Malattie Infettive e Tropicali – Azienda Ospedaliera di Lodi e segretario nazionale Simit, Società italiana di malattie infettive e tropicali, occorrerebbe  informare la popolazione su come somministrare gli antibiotici e quando utilizzarli, partendo dalle scuole primarie, come avviene nei Paesi nordici.

 

 

 
 
 

Da sapere!

In Italia, secondo il Rapporto OsMed sull’uso dei farmaci antibiotici del 2009, le regioni meno virtuose sono Campania, Calabria e Sicilia, mentre il consumo più basso di antibiotici si registra nel Friuli Venezia Giulia.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Menarca in bimba di 9 anni: crescerà ancora?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Non è così automatico che l'arrivo della prima mestruazione segni la fine della crescita in altezza.   »

Anticorpi: con che quantità si può rinviare la seconda o la terza dose?

17/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

A oggi non è ancora stato stabilito quale valore relativo agli anticorpi assicuri una copertura tale da consentire di rimandare (o, peggio, evitare) la vaccinazione.   »

Bimbo difficile, mamma esasperata

11/01/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Può essere davvero emotivamente insostenibile gestire un bambino che urla e piange ogni volta che ci si allontana. Ma la soluzione ci può essere.   »

Fai la tua domanda agli specialisti