Antibiotico-resistenza: è allarme in Italia

Stefania Lupi A cura di Stefania Lupi Pubblicato il 07/01/2019 Aggiornato il 07/01/2019

L’antibiotico-resistenza provoca 33mila morti ogni anno in Europa. Un terzo in Italia. Più colpiti bambini e anziani

Antibiotico-resistenza: è allarme in Italia

Anche l’Italia paga il suo tributo annuale di decessi causati dalle infezioni provocate dall’ antibiotico-resistenza. Dei 33mila morti che ogni anno colpiscono l’Europa, infatti, un terzo sono italiani. E i soggetti più colpiti sono i bambini e gli anziani over 65. Nel nostro Paese, in particolare, sono 10.762 le morti legate ai superbatteri (su oltre 200.000 casi), dunque un terzo del totale.

Pericolo superbatteri

L’allarme è stato lanciato da uno studio dell’European Centre for Disease Prevention and Control (Ecdc) pubblicato sulla rivista medica The Lancet Infectious Diseases, che stima l’onere di 5 diversi tipi di infezioni causate da super batteri killer nell’Unione europea e nello spazio economico europeo (per un totale di 670.000 casi), basandosi sui dati della rete di sorveglianza antimicrobica europea (Ears-Net) del 2015.

Farmaci troppo abusati

Per  antibiotico-resistenza si intende quel fenomeno per cui un batterio è resistente ai farmaci. Tra le cause, il maggiore e a volte spregiudicato utilizzo di antibiotici in zootecnia e agricoltura, anche per scopi non terapeutici che, insieme a un fenomeno di sovraprescrizione (ossia la tendenza, a prescrivere antibiotici anche quando non necessari), ha creato alcuni ceppi di “superbatteri” mutati in grado di resistere ai più comuni farmaci.

Ospedali, covo di batteri

Lo studio stima che il 75% delle infezioni è associato all’ambiente sanitario (ossia gli ospedali) e che il 39% è causato da infezioni batteriche resistenti ad antibiotici di ultima generazione, come carbapenemi e colistina.  E quando questi medicinali non sono più efficaci, è molto difficile o addirittura  impossibile curare le infezioni.

Una curva in crescita

La percentuale di infezioni legate all’ antibiotico-resistenza è in costante aumento dal 2007. Le strategie per prevenire e controllare il fenomeno richiedono un coordinamento a livello europeo e mondiale. Tuttavia, lo studio ha dimostrato che la situazione varia notevolmente da un Paese all’altro, evidenziando la necessità di strategie di prevenzione e controllo adeguate alle esigenze di ciascuno Stato.

 

 

 

 
 
 

da sapere!

Gli antibiotici sono del tutto inutili per curare le infezioni virali, come l’influenza e il raffreddore, poiché agiscono solo sui batteri.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti