Antibiotico-resistenza: è emergenza mondiale

Laura de Laurentiis A cura di Laura de Laurentiis Pubblicato il 06/04/2018 Aggiornato il 07/08/2018

Mezzo milione è il numero di persone, nel mondo, colpite da infezioni resistenti all’azione degli antibiotici. Lo riferisce l’Oms, ma il dato è inferiore a quello reale

Antibiotico-resistenza: è emergenza mondiale

Secondo il primo rapporto dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) relativo all’ antibiotico-resistenza, nel mondo sono circa 500mila le perone colpite da infezioni che gli antibiotici non riescono a combattere e pare anche che la stima non sia del tutto veritiera. I casi di antibiotico-resistenza potrebbero, infatti, essere molti di più, visto che i dati Oms riguardano solo 22 Paesi. Inoltre, non sono rientrati nel conteggio i casi di resistenza all’antibiotico del Mycobacterium tuberculosis (bacillo di Koch) responsabile della tubercolosi. LaTbc multiresistente rappresenta un rischio importante per gli operatori sanitari.

Un fenomeno pericoloso

Gli antibiotici sono i farmaci che debellano i batteri e, quindi, curano le infezioni di cui questi microrganismi sono responsabili. Alcuni batteri sono naturalmente resistenti a determinati antibiotici (per esempio, tutti i batteri gram-negativi sono resistenti  alla vancomicina, che appartiene alla classe dei glicopeptidi), mentre ce ne sono altri di norma vulnerabili nei confronti di particolari antibiotici che, però, possono acquisire la resistenza a essi, ovvero non esserne più sconfitti. La resistenza dei batteri all’azione degli antibiotici è un problema di portata gigantesca visto che annulla l’efficacia dell’unica categoria di farmaci in grado di contrastare infezioni potenzialmente mortali.

I più resistenti

Secondo quanto afferma l’Istituto superiore di sanità, tra i batteri gram-positivi, quelli con maggiore resistenza agli antibiotici sono Staphylococcus aureus resistente alla meticillina (-oxacillina), gli pneumococchi resistenti ai beta-lattamici e multiresistenti, gli enterococchi vancomicina-resistenti. Tra i gram-negativi, le resistenze principali riguardano le beta-lattamasi a spettro allargato in Klebsiella pneumoniae, Escherichia coli, Proteus mirabilis, la resistenza ad alto livello alle cefalosporine di terza generazione tra le specie di Enterobacter e Citrobacter freundii, le multiresistenze osservate in Pseudomonas aeruginosa, Acinetobacter e Stenotrophomonas maltophilia. Inoltre, a partire dal 1988 negli ospedali americani si sono verificate epidemie di tubercolosi multiresistente agli antibiotici fra sieropositivi. Negli anni Novanta il problema ha iniziato a essere rilevato anche in Europa (Italia, Gran Bretagna, Francia, Spagna).

La divisione in gram

I batteri vengono suddivisi in gram- negativi e gram-positivi, in base alla reazione prodotta dalla loro parete cellulare in seguito al contatto con un particolare colorante utilizzato nei laboratori di analisi. A seconda di questa risposta è possibile stabilire le caratteristiche della parete cellulare del batterio esaminato: questa informazione orienta la scelta dell’antibiotico giusto.

 

 

 
 
 

Da sapere!

In Italia, secondo i dati raccolti dall’Istituto superiore di sanità , la resistenza agli antibiotici,per le specie batteriche sotto sorveglianza è tra le più elevate in Europa e non risparmia neppure i bambini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti