Apnee notturne: dietro al sonno difficile malesseri e malattie

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 06/09/2021 Aggiornato il 06/09/2021

I dati dell'Associazione Italiana per la Medicina del Sonno rivelano che milioni di italiani soffrono d’insonnia, bambini compresi. Che cosa si nasconde dietro le apnee notturne

Apnee notturne: dietro al sonno difficile malesseri e malattie

In Italia ben 12 milioni di persone soffrono di disturbi del sonno cui sono spesso associate le apnee notturne: difficoltà di addormentamento, frequenti risvegli durante la notte, risvegli precoci la mattina e difficoltà nel riprendere sonno. Circa il 60% sono donne, mentre il 20% dei casi riguarda bambini e minori.

La sonnolenza diurna

Queste cifre sarebbero addirittura raddoppiate nell’anno della pandemia da Covid-19. Nella maggioranza dei casi i problemi nel riposo notturno si trasformano in un senso di malessere psico-fisico al risveglio e anche comparsa di eccessiva sonnolenza diurna (Esd), ovvero l’incapacità di rimanere svegli in maniera appropriata durante il giorno. L’Esd ovviamente peggiora la qualità della vita: negli adulti l’eccessiva sonnolenza diurna aumenta il rischio di incidenti stradali, domestici o lavorativi, mentre nei bambini ostacola l’apprendimento e la socializzazione.

Il disturbo delle apnee del sonno

L’eccessiva sonnolenza diurna è spesso associata alle apnee ostruttive del sonno, che colpiscono circa 1 miliardo di persone nel mondo. In Italia circa 7 milioni di soggetti soffrono di almeno 5 apnee notturne per ora di sonno, mentre nella popolazione di età compresa tra 30 e 69 anni sono 4 milioni quelli con più di 15 apnee per ora di sonno. In età pediatrica l’incidenza è del 5%.

Pause nella respirazione durante il sonno, dovute all’ostruzione parziale o totale delle prime vie aeree, sono la principale manifestazione delle apnee ostruttive del sonno  (Osa). Una condizione che genera particolari manifestazioni cliniche tra cui sonnolenza diurna, stanchezza, deficit dell’attenzione e della memoria, e si associa a un maggiore rischio di malattie cardiovascolari, neurologiche e metaboliche.

Quali sono i sintomi

Il sintomo principale delle apnee notturne è certamente il russamento, quasi sempre molto intenso e, a causa dell’apnea, intermittente, la sonnolenza diurna, l’insonnia soprattutto legata ai risvegli precoci e alla difficoltà di riprendere sonno, affaticamento e difficoltà di concentrazione, nicturia (la tendenza ad alzarsi di notte per l’urgenza di urinare).
Tra le cause, certamente obesità e sovrappeso, ma anche alcune di natura anatomica: per esempio, una mandibola piccola, palati molto abbondanti. Le tonsille o le adenoidi possono esserne la causa in età pediatrica.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

L’esame più utilizzato per la diagnostica dei disturbi del respiro anche nel bambino è la polisonnografia, cioè il monitoraggio cardiorespiratorio notturno, che prevede tra l’altro la registrazione del flusso respiratorio nasale; il russamento; la posizione corporea durante il sonno.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti