Aritmia si previene (anche) con la frutta secca

Silvia Camarda A cura di Silvia Camarda Pubblicato il 25/06/2018 Aggiornato il 01/08/2018

Il ritmo irregolare del cuore si può prevenire consumando regolarmente noci, nocciole e mandorle. Una cura naturale per l’aritmia senza rischi né effetti collaterali

Aritmia si previene (anche) con la frutta secca

Anche il cuore trae beneficio dalla frutta secca. Noci, nocciole e mandorle lo proteggerebbero dal rischio di fibrillazione atriale, un’alterazione del ritmo cardiaco. A sostenere i vantaggi della frutta secca nei confronti dell’ aritmia è un gruppo di ricercatori svedesi del Karolinska Institutet e dell’Università di Uppsala che ha condotto un esperimento pubblicato online sulla rivista medica Heart. Lo studio evidenzia come un consumo regolare di frutta secca farebbe da “scudo” contro il rischio di alterazione del ritmo cardiaco e di sviluppare aritmia.

Lo studio di 17 anni su oltre 60.000 persone

È stato analizzato un campione di oltre 61.000 svedesi. A tutti gli individui selezionati è stato somministrato un questionario sulla frequenza alimentare e sullo stile di vita. È stata, inoltre, controllata la salute alimentare per 17 anni. Durante il lungo monitoraggio, si sono verificati:

  • 4.983 infarti,
  • 3. 160 casi di insufficienza cardiaca,
  • 7.550 casi di fibrillazione atriale.

Più frutta secca meno fibrillazione atriale

Il consumo di frutta secca è risultato associato a un minor rischio di fibrillazione atriale. Una porzione una o tre volte al mese era associata, infatti, a un rischio ridotto del 3%, che saliva al 12% con un consumo una o due volte alla settimana e al 18% per tre volte o più. In sostanza ogni porzione aggiuntiva settimanale è stata associata a un abbassamento del 4% nel rischio.

Tanti nutrienti preziosi

Tutta la frutta secca, e in particolare le noci, contiene:

  • acidi grassi insaturi,
  • proteine,
  • fibre,
  • minerali come magnesio, potassio e zinco,
  • vitamina E,
  • folati,
  • composti bioattivi come fenoli e fitosteroli.

Giù colesterolo e trigliceridi

Mangiare regolarmente la frutta secca migliorerebbe anche la salute cardiovascolare, in quanto abbassa i livelli di colesterolo e trigliceridi, con la conseguenza di ridurre il rischio di fibrillazione atriale e insufficienza cardiaca.

 
 
 

Da sapere!

30 grammi di frutta secca è la porzione giornaliera consigliata dai nutrizionisti per mantenere un buono stato di salute.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Quinta malattia: sono incinta e forse sono stata contagiata: che fare?

20/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Fabrizio Pregliasco

Nel caso in cui vi sia il dubbio di essere state contagiate dal parvovirus B19, è opportuno effettuare il test per la ricerca degli anticorpi specifici. Questa analisi dle sangue permette di capire se si è state colpite o no dall'infezione.   »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti