Artrite: fra le cause anche i tacchi alti?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/03/2015 Aggiornato il 19/03/2015

Sono sexy e affascinanti. Ma i tacchi alti sono anche rischiosi. Addirittura potrebbero aumentare il rischio di artrite. Ecco perché

Artrite: fra le cause anche i tacchi alti?

Inutile negarlo. I tacchi alti sono uno dei punti di forza del fascino femminile. E a pensarlo non sono solo gli uomini, ma anche le donne. Ecco perché quasi tutte sono disposte a sopportare dolore e fastidio pur di apparire belle. In realtà, sarebbe più sensato dar retta ai segnali lanciati dal proprio corpo. Alla lunga, infatti, questi sintomi potrebbero trasformarsi in artrite. Lo dice uno studio condotto da un team di ricercatori statunitensi, della Stanford University, pubblicato sul Journal of Orthopaedic Research.

L’indagine dei medici

L’indagine è stata condotta su 14 donne. Ciascuna di loro è stata invitata a indossare un determinato tipo di scarpe e a camminare. Lo scopo degli studiosi era analizzare come l’andatura e le posture assunte dalle donne cambiassero a seconda delle calzature utilizzate e, in particolare, quali fossero gli effetti dell’uso dei tacchi alti sulle articolazioni.

Il tipo di scarpe influenza l’andatura

L’analisi della camminata delle volontarie ha confermato quello che gli esperti già sospettavano: il tipo di scarpe indossate può avere conseguenze importanti a livello muscolo-scheletrico. In particolare, si è visto che le donne che indossavano tacchi alti, mediamente di sette centimetri e mezzo, avevano un’andatura scomposta. E più lo stiletto era lungo e più le posizioni assunte erano “strane”. Non solo. Anche il movimento delle ginocchia subiva modifiche significative. A maggior ragione in caso di sovrappeso.

Il legame con la salute

Ma quale legame c’è fra le probabilità di andare incontro ad artrite e gli effetti che l’uso dei tacchi alti ha avuto sulle donne coinvolte nello studio? “Molti dei cambiamenti osservati con l’aumentare dell’altezza del tallone e il peso sono stati simili a quelli osservati con l’invecchiamento e la progressione dell’osteoartrite” hanno spiegato gli autori dello studio. Questo li ha portati a concludere che usare scarpe troppo alte può mettere in pericolo la salute delle ossa e rappresentare un fattore di rischio importante per lo sviluppo dell’artrite. Specialmente, se il peso corporeo è eccessivo. Fra l’altro, non bisogna dimenticare che stare in equilibrio sui tacchi causa un affaticamento a livello delle caviglie, che a lungo andare si indeboliscono, oltre che comportare una possibilità elevata di cadute e quindi di traumi.

 

 

 

In breve

SCONSIGLIATE ANCHE LE CALZATURE PIATTE

Le scarpe sono fondamentali per camminare nel modo corretto perché forniscono l’equilibrio a tutto il corpo, specialmente sui terreni duri e non uniformi. Se hanno i tacchi troppo alti possono risultare dannose, ma nemmeno quelle completamente a terra sono consigliabili. L’ideale per i piedi è che siano dotate di un piccolo tacco (massimo quattro centimetri).

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti