Asma e Bpco: gli italiani sbagliano le cure

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/03/2017 Aggiornato il 10/03/2017

Il 15% degli italiani soffre di malattie respiratorie come asma e Bpco, ma 1 su 6 sbaglia terapia. In arrivo nuovi farmaci

Asma e Bpco: gli italiani sbagliano le cure

Sono circa 6 milioni gli italiani colpiti da Bpco (Broncopneumopatia cronica ostruttiva) e tre quelli afflitti da asma, oltre 300mila con asma grave. Le persone maggiormente colpite sono anziani, ma asma e Bpco sono in netto aumento anche tra le donne giovani. Questo è il quadro presentato dagli esperti al 20° Congresso Nazionale di Verona sulle Malattie Respiratorie “Asma Bronchiale e Bpco: nuovi obiettivi, nuovi rimedi, nuove strategie”, durante il quale hanno annunciato l’arrivo di nuovi farmaci e algoritmi per permettere una terapia personalizzata.

Nuovi farmaci “High Tech”

Durante il Congresso si è parlato di nuovi farmaci per asma e Bpco. Si tratta di farmaci biologici “high tech” contenenti anticorpi monoclonali e sostanze più raffinate che vanno a colpire le zone malate. Una cura più mirata che si contraddistingue sia per molecole curanti sia per modalità di assunzione.

Troppi errori nella terapia

Il responsabile del Centro nazionale studi di farmacoeconomia e farmacoepidemiologia respiratoria, nonché promotore del Congresso di Verona, il professor Roberto Dal Negro, ha spiegato che, nonostante l’efficacia dei medicinali sia aumentata garantendo ottimi risultati, 6 italiani su 10 continuano a sbagliare terapia per via della scarsa informazione e attenzione sull’utilizzo, causando la scorretta gestione delle malattie respiratorie. In questo modo sono in crescita anche i costi sanitari, aumentati di 15 miliardi di euro circa.

5° causa di morte tra le donne

In Italia le malattie respiratorie, tra cui anche asma e Bcpo, sono la terza causa di morte per gli uomini e la quinta per le donne. La regione più colpita dai decessi è la Lombardia, seguita da Piemonte, Lazio, Emilia Romagna e Campania. Secondo i dati Eurostat le malattie respiratorie sono la terza causa di morte nell’Unione Europea, dopo i tumori e le malattie del sistema circolatorio.

 

 

 

lo sapevi che?

La Bpco colpisce dai 50 anni d’età in poi, mentre l’asma affligge di più i giovani.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

TSH oltre il limite: ci sono rischi in gravidanza?

14/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Un valore di TSH che supera di poco la soglia considerata ottimale non espone il feto a particolari pericoli. A patto però di assumere l'Eutirox e di controllare con regolarità la funzionalità tiroidea.   »

Ecografia, mammografia, autopalpazione: ecco le indagini per il seno

11/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Scoprire tempestivamente la presenza di un nodulo maligno nella mammella salva la vita. Tre sono le indagini che lo permettono.   »

Qual è stato il rapporto sessuale che ha portato al concepimento?

10/02/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stabilire il giorno esatto del concepimento, in caso di più rapporti sessuali nello stesso mese, è davvero molto difficile in quanto il periodo ovulatorio è influenzato da più variabili.   »

Fai la tua domanda agli specialisti