Ballare aiuta ad abbassare la pressione

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 06/05/2016 Aggiornato il 06/05/2016

Farmaci ma non solo. Anche ballare aiuta ad abbassare la pressione. E non ha controindicazioni

Ballare aiuta ad abbassare la pressione

La pressione alta è un problema in costante crescita che coinvolge a livello mondiale un numero di persone. Le ragioni vanno dalle cattive abitudini alimentari allo stress, dal fumo all’alcol fino alla sedentarietà passando per una serie di altre motivazioni che vanno indagate, soggetto per soggetto. Sta di fatto che solo in Italia i problemi a carico dell’apparato cardiovascolare sono responsabili del 41% dei decessi.

Non solo farmaci

Cambiare le abitudini di vita è importante, ma occorre farlo presto e nella maniera corretta. Accanto ai farmaci ipertensivi la nuova strategia per abbassare i valori della pressione sembra essere la danza. Ballare, infatti ,aiuta ad abbassare la pressione. A sottolineare il valore di questa terapia alternativa sono proprio i medici che da sempre indicano nell’inattività fisica una delle cause principali delle malattie cardiovascolari: è proprio la sedentarietà che secondo l’Organizzazione mondiale della sanità porta al decesso di 3,2 milioni le persone ogni anno.

Un esercizio alla portata di tutti

Gli esperti della Società italiana per la prevenzione cardiovascolare (Siprec) hanno ribadito che ballare aiuta ad abbassare la pressione perché rappresenta un esercizio fisico alla portata di tutti: senza far sudare e richiedere specifiche competenze, può essere un valido supporto per combattere la sedentarietà. Gli esperti suggeriscono di praticare un esercizio aerobico per 30-45 minuti 3-4 volte alla settimana a un livello di intensità pari al 50-70%: occorre, però, farlo con regolarità impegnandosi da soli o con un partner non meno di mezz’ora di seguito per avere effetti soddisfacenti.

Tanti benefici per la salute

Grazie al movimento è possibile abbassare la pressione con notevoli vantaggi. È stato dimostrato, infatti, che, abbassando di soli due punti la pressione sistolica, si riduce del 7% il rischio di mortalità per ischemia e altre cause cardiovascolari e del 10% il rischio di mortalità da ictus.

Serve l’ok del medico

È fondamentale consultare il proprio medico prima di intraprendere qualunque forma di esercizio fisico, ma in generale gli sport più indicati per i cardiopatici sono quelli con metabolismo aerobico, dunque di resistenza piuttosto che di potenza, proprio come il ballo.

 

 

 

 

 

 
 
 

In breve

MANTIENE ELASTICHE LE ARTICOLAZIONI

Il ballo non ha solo il pregio di riuscire ad abbassare la pressione arteriosa con un grande vantaggio a livello cardiocircolatorio ma aiuta anche a mantenere mobili le articolazioni, rafforza i muscoli e apporta in più notevoli benefici psicologici in chi lo pratica con regolarità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti