Bere latte materno: nuova pericolosa mania

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/08/2015 Aggiornato il 18/08/2015

Una nuova pericolosa moda impazza sul web, ma anche negli Usa e in Gran Bretagna: bere latte materno. Perché fa male

Bere latte materno: nuova pericolosa mania

Bere il latte materno è un toccasana. Sì, ma per i neonati che vengono allattati al seno dalla propria madre. Per gli adulti, tra i quali sta impazzando la mania di farsi dei veri e proprio cocktail a base di latte umano, invece, i benefici non ci sono, anzi. Sembra una di quelle strane manie per pochi gruppi di fanatici del genere, ma non lo è: bere latte materno è una tendenza sempre più in voga tra gli adulti di mezzo mondo. Il motivo? I presunti effetti benefici – quasi miracolosi – sul fisico e sul benessere del latte umano. Ma, in realtà, non c’è nulla di vero, anzi.

Una moda che arriva dagli Usa

La moda arriva, come spesso capita, da Oltreoceano, ma anche da Oltremanica. Negli Stati Uniti e in Gran Bretagna sta impazzando, infatti, l’abitudine di bere latte materno anche molti anni dopo aver finito lo svezzamento. Il tutto con zero vantaggi scientificamente provati e, al contrario, con parecchi rischi, decisamente concreti. A lanciare l’allarme un gruppo di esperti, autori di un recente editoriale sul tema, pubblicato sul “Journal of The Royal Society of Medicine”.

Tanti prodotti diversi

Più che una moda di nicchia, si tratta di una tendenza supportata da una rete di merchandising ben avviata, con tanto di prodotti commercializzati ad hoc. Infatti, in Gran Bretagna sono richiestissimi i gelati confezionati utilizzando latte materno, mentre negli Stati Uniti vanno per la maggiore i lecca lecca con lo stesso ingrediente. Per non parlare poi dello sconfinato mercato virtuale: sul web si possono trovare bevande a base di latte materno di ogni genere.

I possibili rischi

Sottolineato che non esiste né un fondamento scientifico né una base clinica a supporto della tesi che bere latte materno sia benefico, è fondamentale ricordare che, invece, esistono rischi concreti connessi al consumo di latte umano, cioè crudo e non pastorizzato: questo tipo di bevanda, infatti, può esporre a un serio pericolo infettivo. Addirittura bere una bevanda di questo genere, senza gli opportuni controlli e trattamenti, espone al pericolo di contrarre infezioni come l’epatite, l’hiv e la sifilide. Questa nuova tendenza si associa con quella, sempre in aumento, di mangiare la placenta dopo il parto.

 

 

 
 
 

In breve

ATTENZIONE AI BATTERI

Per chiarire meglio i contorni dei pericoli connessi al consumo di latte materno da parte degli adulti, basti pensare che nel corso di un recente studio è stato dimostrato che il 93% dei campioni di latte materno commercializzati o distribuiti online era contaminato da batteri.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti