Bruxismo e serramento dei denti per il 40% degli italiani

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 30/08/2018 Aggiornato il 30/08/2018

Bruxismo e serramento dei denti sono disturbi molto comuni ma sottovalutati, eppure mettono in pericolo la salute dei denti e di tutto l’organismo

Bruxismo e serramento dei denti per il 40% degli italiani

Bruxismo e serramento dei denti sono più diffusi di quanto si creda. Si manifestano con digrignare i denti, di notte principalmente ma anche di giorno, oppure serrare con forza le due arcate dentali. Sono parafunzioni che possono riguardare fino al 40% della popolazione, il 10-15% in forma grave.

Per troppo stress

Attualmente si registra in forte crescita la diagnosi di queste problematiche e di tutti gli effetti che possono determinare dal punto di vista neuromuscolare. Luca Landi, Presidente Eletto della Società Italiana di Parodontologia & Implantologia, spiega che mentre i disturbi di malocclusione riguardano il modo in cui i denti si interfacciano tra loro sulle due arcate, le parafunzioni sono atteggiamenti che determinano un contatto non fisiologico tra denti superiori e inferiori. Bruxismo e serramento sono entrambi modi che l’organismo utilizza per scaricare tensioni e stress somatizzando certe condizioni psicologiche.

La differenza tra i due

Nel bruxismo si evidenzia il digrignamento, cioè lo sfregamento dei denti sia in avanti e indietro, sia lateralmente; nel serramento invece i denti restano a contatto troppo a lungo con contrazione dei muscoli e dell’articolazione temporo-mandibolare.

Danni all’intero organismo

Questi atteggiamenti, prolungati nel tempo, sono pericolosi non solo per il cavo orale, ma per gli effetti posturali e articolari che possono causare. Se normalmente i denti vengono in contatto non più di 20 minuti al giorno durante la masticazione o mentre si parla, nel bruxismo i denti sono in contatto anche 6-8 ore su 24, il che significa che in termini di consumo di denti una settimana come bruxista equivale a un mese per un soggetto che non soffre di parafunzioni. Il bruxismo può avvenire sia di giorno sia di notte; quello notturno è più facile da identificare e controllare perché porta a svegliarsi con indolenzimento o dolore della bocca e anche del collo e della testa.

I segnali da osservare

Altri segni che si notano in bruxismo e serramento sono il consumo dei denti, che si presentano appiattiti nel bruxismo mentre chi stringe i denti vede comparire dei buchetti nelle cuspidi dei molari, e un aumento della sensibilità termica.

Indispensabile il bite

In entrambi i casi i bite notturni sono utili: si tratta di paradenti rigidi che servono ad evitare che i denti, venendo in contatto in modo anomalo, si consumino. Attenzione però, mette in guardia l’esperto, al fatto che il bite spesso è utilizzato senza una diagnosi corretta e con un bite non ben equilibrato il rischio è di non trarne alcun beneficio; sconsigliati anche i dispositivi fai da te che si trovano in farmacia e che si automodellano sulla bocca del paziente perché non danno gli effetti voluti.

 

 

Da sapere

ANCHE DI GIORNO

Le parafunzioni possono essere anche diurne e presentarsi, per esempio, durante l’orario di lavoro oppure mentre si fa sport. Diventano sono più complicate da gestire e in questi casi anche l’aspetto psicologico e la gestione dello stress contano molto nella risoluzione del problema.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Non sento il bimbo muoversi: perché?

09/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Fino alla 23ma settimana di gravidanza può essere difficile sentire i movimenti del bambino, ma di qui a poco si riusciranno a percepire in modo inequivocabile.   »

HPV ad alto rischio oncogeno: come avviene il contagio?

03/12/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dott.ssa Elena Bozzola

La trasmissione del Papilloma virus responsabile del carcinoma della cervice avviene quasi esclusivamente per via sessuale.   »

Vaccinazione anti-rotavirus: la ricerca dice sì, senza alcun dubbio sì

27/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Gli ultimi studi compiuti in modo serio e rigoroso sulla vaccinazione antirotavirus hanno evidenziato che si tratta di uno strumento più che sicuro (e prezioso) per la salvaguardia della salute dei piccolini.  »

Fai la tua domanda agli specialisti