Camminare… allunga la vita

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 27/12/2017 Aggiornato il 27/12/2017

Camminare per quasi due ore alla settimana può allungare l’aspettativa di vita. E quindi… gambe in spalla

Camminare… allunga la vita

Camminare… elisir di lunga vita? È quanto sostiene uno studio condotto da Alpa Patel, del Cancer Prevention Study-3 for the American Cancer Society (ACS), condotto su circa 140.000 partecipanti.

Bastano due ore alla settimana

150 minuti alla settimana di moderata attività fisica sarebbero l’ideale per mantenersi in salute. Questo tempo può essere dimezzato se l’attività fisica è più intensa. Tuttavia, secondo la ricerca della dottoressa Patel – pubblicata sull’American Journal of Preventive Medicine – sarebbero sufficienti anche meno di due ore. In particolare, camminare contribuisce a ridurre il rischio di morte e conferma quanto il movimento sia fondamentale per conservare un buono stato di salute.

Il principale elisir di lunga vita

Camminare ha molteplici vantaggi rispetto ad altre attività fisiche. Innanzitutto, è alla portata di tutti ed è  economica. Camminare riduce inoltre il rischio di malattie respiratorie. Lo hanno confermato anche gli specialisti della Società italiana per le malattie respiratorie infantili (Simri) durante l’ultimo Congresso nazionale, sottolineando come ogni anno il 30% dei bambini italiani sia colpito già in età prescolare da episodi di polmonite, bronchite, faringite e tracheite proprio a causa di una scarsa attività all’aria aperta.

 

 

Lo sapevi che?

Camminare con una certa intensità è un’attività aerobica, in quanto comporta un aumentato apporto di ossigeno a tutto l’organismo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti