Campagna? Elisir di lunga vita per le donne

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 20/06/2016 Aggiornato il 20/06/2016

Il contatto con la campagna fa bene alla salute mentale femminile grazie a una minore esposizione all’inquinamento e a una maggiore attività fisica

Campagna? Elisir di lunga vita per le donne

“Voglio andare a vivere in campagna”, cantava anni fa Toto Cutugno. Forse aveva capito che stare a contatto con la natura è un elisir di lunga vita, soprattutto per le donne.

Meno stress e più sport

Non è una novità che vivere in campagna faccia bene alla salute, mentale più che fisica. Ma oggi arriva uno studio scientifico che lo conferma, sostenendo, addirittura, che allunga la vita delle donne. I ricercatori della Chan school of public health di Harvard hanno scoperto che le donne americane che possiedono una casa in mezzo al verde hanno un tasso di mortalità inferiore del 12% rispetto a quelle che vivono in città.

La natura allunga la vita

Gli studiosi americani hanno rilevato fattori in grado di condurre all’allungamento della vita in chi vive in campagna: minore esposizione a fonti di stress e maggiore propensione a praticare  attività fisica costante e regolare.

Uno studio lungo otto anni

Lo studio, durato otto anni, ha coinvolto un campione di 108,630 donne volontarie. Gli scienziati hanno studiato la vita delle donne dal 2000 al 2008, monitorando i cambiamenti della vegetazione e i decessi delle partecipanti allo studio (8.604 decessi);  hanno mappato le case utilizzando immagini satellitari ad alta risoluzione per valutare  la  vegetazione da meno di 250 metri fino 1.250 metri dalle abitazioni.

Meno malattie respiratorie

“Sappiamo che piantare della vegetazione può aiutare l’ambiente riducendo il carico delle acque di scarico, sequestrando carbonio, e mitigando gli effetti dei cambiamenti climatici – ha spiegato un ricercatore – . I nostri nuovi risultati suggeriscono un possibile co-beneficio, migliorare la salute”. La longevità sarebbe data dal fatto che vivere in campagna farebbe ammalare di meno e nello specifico, diminuirebbe le probabilità di  contrarre patologie respiratorie (meno 34 per cento) e oncologiche (meno 13 per cento).

 

 

 

 
 
 

In breve

I VANTAGGI DELL’ECOTERAPIA

Passeggiare in campagna, in un parco o in un bosco, stare sdraiati su un prato sono modi per ritrovare energia e sentirsi meglio. L’ecoterapia è un metodo per affrontare lo stress della vita quotidiana.

 

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola i tuoi giorni fertili

Calcola le settimane di gravidanza

Controlla le curve di crescita per il tuo bambino

Elenco frasi auguri comunione

Elenco frasi auguri compleanno

Elenco frasi auguri cresima

Calcola la data presunta del parto

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Neo sospetto: meglio toglierlo subito o basta tenerlo sotto controllo?

23/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

Un neo dall'aspetto poco rassicurante va asportato allo scopo di comprenderne, attraverso l'esame istologico, la natura. Non è però necessario procedere tempestivamente, ma è possibile attendere fino a sei mesi (non di più!) per farne ricontrollare l'evoluzione.   »

Bimbo che rifiuta pranzi e cene (ma come dargli torto?)

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Se a un bambino vengono sistematicamente proposti primi e pietanze poco allettanti, costituiti da un insieme di alimenti che, mescolati insieme, perdono sapore si deve mettere in preventivo che a un certo punto si rifiuti di inghiottirli.   »

Piccolissimo che piange perché vuole stare in braccio

20/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Non stupisce affatto che un bimbo di neppure due mesi smetta di piangere solo quando viene preso in braccio dalla madre. Spetta a quest'ultima trasmettergli l'affettuoso, rassicurante messaggio di esserci per lui sempre e comunque, anche quando è nella culla.   »

Fai la tua domanda agli specialisti